Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Langhe e Roero Alba

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Alba

  • Alba Residence ApartHotel Piemonte

    Ad Alba, a pochi minuti dal centro storico, un residence creato per abitare, per vivere, per lavorare. La riservatezza e la libertà di una casa, con i servizi di un hotel. La bellezza di appartamenti e suites pensati per trasformare un soggiorno in un...

  • Azienda Prunotto Antinori Alba

    Alfredo Prunotto, rinomato enotecnico che lavorava per le più prestigiose case vinicole del tempo, rilevò nel 1923, la Cantina Sociale "Vini delle Langhe" sorta ad Alba nel 1904 che, dopo la prima guerra mondiale, si trovava in difficoltà. La casa vinicola...

  • Mauro Sebaste Vini

    L'azienda nasce nel 1991 dalla forte passione unita a una decennale esperienza enologica di Mauro Sebaste figlio di Sylla, nota donna del vino di Langa. Dalla madre, Mauro eredita la filosofia del "vino come progetto" e il rispetto per le caratteristiche...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Alba

Descrizione

Storica capitale delle Langhe, in provincia di Cuneo, Alba è un'importante città del Piemonte, situata lungo la sponda sinistra del fiume Tanaro. L'area fu abitata sin dal neolitico, come testimoniano i numerosi ed interessanti ritrovamenti riportati alla luce. La penetrazione romana incontrò non poche resistenze da parte dei Liguri: iniziata, infatti, nel 190 a.C., fu completata solo nel 173 a.C.. Divenuta "Alba Pompeia" acquistò un decisivo ruolo strategico nell'ambito dei rapposti economico-commerciali; era amministrata in modo autonomo con proprie magistrature. Le possenti mura poligonali, costruite con i Romani, vennero ulteriormente rafforzate con i Longobardi, i Franchi ed in età comunale. Con la caduta dell'Impero Romano, anche Alba fu vittima di continui saccheggi da parte delle popolazioni barbariche: si registra, infatti, in questo periodo una fase di decadimento economico e demografico. Nel 976 Ottone I concesse le Langhe ad Aleramo I. Con la pace e la stabilità di governo rifiorirono l'agricoltura ed i commerci e il libero Comune fissava i primi Statuti. Nel 1158 giunse ad Alba l'imperatore Federico Barbarossa che ne ricompensò la fedeltà con molti privilegi e ne favorì l'autonomia amministrativa. Il Comune iniziò l'espansione territoriale, consolidando la città con nuove fortificazioni e accettava come cittadini nobili e ricche famiglie che ricambiavano l'amicizia costruendo torri e caseforti. Come conseguenza il circondario di Alba fu suddiviso in sette Camparie e sei castelli sorsero sulle colline circostanti per difendere la città. Anche il Comune di Alba rinforzò la cinta muraria con possenti torrioni per meglio sostenere eventuali attacchi di aggressori e vennero fondati monasteri, chiese e addirittura sei ospedali.
Nel 1259 si alleò con Carlo d'Angiò contro Asti. Seguirono anni caratterizzati da continue lotte interne; le maggiori famiglie di parte guelfa e ghibellina facevano a gara per assicurarsi il predominio sulla città: guerreggiava con Asti per il dominio della valle del Tanaro e alternava signorie alleandosi con gli Aleramici, gli Angioini, i Visconti per entrare, nel 1369, nell'orbita dei Paleologi che avevano ereditato dagli Aleramici il marchesato di Monferrato. Nella prima metà del secolo XVI, Alba fu teatro di sanguinosi scontri tra Francesi e Spagnoli. Con la pace di Cateau-Cambrésis, Alba fu assegnata ai Gonzaga di Mantova. Passò ai Savoia nella prima metà del XVII secolo. Dopo la parentesi giacobina, che si rivelò particolarmente pesante per i cittadini, sia in termini di lutti che di edifici storici distrutti e rovinati, nell'Ottocento si diede inizio alla ricostruzione della città, affidando l'incarico all'architetto Giorgio Busca.
Siti di interesse:
- le antiche torri di difesa, molte delle quali incorporate negli edifici o abbassate a livello dei tetti;
- il Palazzo del Comune, in Piazza Risorgimento, al cui interno sono conservati alcuni affreschi trecenteschi provenienti dalla Chiesa di San Domenico, una tavola cinquecentesca raffigurante la Vergine col Bambino;
- la Chiesa di San Giovanni Battista, di cui si ha notizia sin dal Cinquecento. In stile barocco, è ricchissima di capolavori d'arte: dal pregevole e raffinato soffitto a cassettoni, ai numerosi dipinti di valore tra cui spiccano una tavola di Barnaba da Modena (1377) raffigurante una "Madonna delle Grazie", una "Adorazione della Madonna e dei Santi" di Macrino d'Alba (1508), cui si associa una "Madonna con Bambino e i Santi Agostino e Lucia", attribuita al medesimo. Pregevole anche un banco ligneo intarsiato nel dorsale, di avanzato Cinquecento.
- la Cattedrale di San Lorenzo, edificata nel X secolo in stile romanico, è stata profondamente rimaneggiata nei secoli successivi. L'attuale facciata risale al 1878. Di notevole pregio è il coro ligneo, intagliato e intarsiato da Bernardino Fossati fra il 1512 e il 1517. Un'altra straordinaria opera di ebanisteria e scultura sono i grandi armadi barocchi della sacrestia, realizzati nel Settecento. Sempre nella sacrestia si trova l'elegante bassorilievo policromo "Madonna con Bambino, San Giovanni Battista e San Giovanni Apostolo", opera del 1507 del comasco Giovanni Lorenzo Sormani. Il campanile a bifore in stile romanico, risale ai primi decenni del Duecento.
- la Chiesa della Maddalena, piccolo gioiello barocco di Antonio Bernardo Vittone;
- la Chiesa di San Domenico, costruita sul finire del Duecento, presenta una facciata divisa in tre parti da lesene, con rosone centrale. Sono ancora visibili alcuni affreschi tre-quattrocenteschi.
- il Santuario di Nostra Signora della Moretta;
- il Museo Civico "Federico Eusebio".

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 75.368 volte.

Scegli la lingua

italiano

english