Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Positano is Costa di Amalfi

    Positano is Costa di Amalfi

    Ospitalità Eventi Esclusivi Trasferimenti Ricevimenti Matrimoni Charter Noleggio Positano Costiera Amalfitana Riviera di Napoli...

  • Bella Baia Glamping Campeggio

    Bella Baia Glamping Campeggio

    Maiori Turismo in Tenda, Campeggio, Camping in Costiera Amalfitana Maiori Salerno Campania Italia

  • Amalfi Transfer Tour

    Amalfi Transfer Tour

    Trasferimento ed escursioni in Costa d'Amalfi, Costiera Amalfitana Tour, lemon tour, trasferimenti Positano, Amalfi, Ravello Stazione...

  • Wine Tour AmalfiCoast

    Wine Tour AmalfiCoast

    Escursioni e trasferimenti esclusivi in Costiera Amalfitana, Tour delle cantine più importanti in Costa di Amalfi e in provincia...

  • Ceramiche Casola

    Ceramiche Casola

    ceramica positanese, piatti, vasi, oggetti in ceramica, pietra lavica smaltata, Costiera Amalfitana, Scala, Positano

tu sei qui: Home Piemonte Langhe e Roero Santa Vittoria d'Alba

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Santa Vittoria d'Alba

Descrizione

Il toponimo celebra il culto di Santa Vittoria, patrona del paese, benché si registrino altre correnti di pensiero che lo collegano alla dea Vittoria o a due memorabili vittorie: quella ottenuta nel corso della battaglia dei Campi Raudii, combattuta da Caio Mario contro i Cimbri, e quella dei Romani sui Goti. Comune in provincia di Cuneo, l'abitato è collocato in cima ad una collina da cui si gode di un straordinario panorama sulla pianura attraversata dal Fiume Tanaro ed è dominato dalla torre del castello che conferisce al luogo l'aspetto di un borgo di altri tempi. Le verdi campagne circostanti serbano superbi angoli tra boschi, frutteti e vigneti, segnati da numerosi sentieri.
Il territorio potrebbe essere stato frequentato dall'uomo sin dall'epoca preromana: lo testimonia il ritrovamento di un'ascia e di altri reperti. Quasi sicuramente vi abitarono popolazioni di origine ligure, vinte dai Romani, la cui presenza in loco è attestata da numerose testimonianze. Le prime notizie documentate risalgono all'anno Mille, epoca in cui, caduto l'Impero romano, il territorio, privo di difese, fu esposto alla mercè di numerosi popoli invasori. Grazie alla particolare posizione sopraelevata, che consentiva il controllo del territorio, fu scelta dalla popolazione della pianura che vi trovò rifugio dalle escursioni saracene. Nelle epoche successive, proprio a causa della collocazione privilegiata, fu oggetto di contese tra le nobili famiglie della zona e le città vicine. Fu possedimento del Vescovo di Asti, dell'Abate di Breme, della famiglia Piloso, ai Visconti, ai Porro, ai Marchesi di Romagnano. Nella seconda metà del XVIII secolo il paese fu inglobato nei dominii sabaudi.

Da vedere:

La chiesa della Confraternita di San Francesco, edificio a pianta rettangolare con soffitto in travi lignee con abside a prisma, ospita uno straordinario ciclo di affreschi, opera di un artista, forse il Canavesio, o più artisti sconosciuti, che raffigurano la Passione di Cristo risalenti al XV-XVI secolo. La torre campanaria, a pianta quadrata, originariamente era parte del castello, come testimonia la presenza di feritoie.
La parrocchia dell'Assunta, risalente al 1703, presenta una facciata delineata da lesene, nicchie, ed un ricco portale, ha pianta rettangolare ed una sola navata. Conserva una Madonna con Bambino di Macrino d'Alba, una tela raffigurante la Vergine, attribuita all'Aliberti, un pregevole altare in marmo bianco intarsiato ed un bel coro in legno.
La chiesa di San Rocco, risalente al 1792, attualmente è in disuso.
La chiesa di Santa Paola.
Il Turriglio, edificio circolare in pietra risalente all'epoca romana, di cui non si conosce la precipua funzione.
Il castello, risalente al XII secolo, fu ristrutturato nel XIV e XV secolo. Attualmente è sede di un complesso alberghiero.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 21.693 volte.

Scegli la lingua

italiano

english