Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Langhe e Roero Monforte d'Alba

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Monforte d'Alba

  • Josetta Saffirio Vini Piemonte

    Nel 1977 Ernesto Saffirio chiede alla figlia Josetta, docente di viticoltura ed enologia alla Scuola Enologica di Alba, e a Roberto Vezza, enologo, di occuparsi dei terreni che appartenevano al bisnonno di Josetta, a Castelletto di Monforte d'Alba. Così,...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Monforte d'Alba

Descrizione

Il toponimo deriva dalle antiche mura del castello, di epoca alto medievale, che circondavano l'abitato. E' un comune in provincia di Cuneo, famoso per la produzione del Barolo e per la tradizione gastronomica. La zona più antica dell'abitato, caratterizzata da angusti e ripidi vicoli, è concentrata intorno al campanile della parrocchiale di Santa Maria, la cui esistenza era attestata già nel XIII secolo, e demolita nel Novecento. Il campanile è ciò che resta dell'antico edificio. Costruito per essere una torre di vedetta, fu inglobato nella chiesa edificata in epoca successiva ed ha subito numerose modifiche nel corso degli anni.
Il ritrovamento di tracce di insediamenti ed altri reperti ha permesso di ritenere che il centro sia stato abitato sin dal Neolitico. La zona fu frequentata anche dai Romani. Nel 1028 il castello fu attaccato e conquistato dalle truppe dell'Arcivescovo di Milano intenzionato a porre fine alla diffusione dell'ideologia catara. Nel XIII secolo divenne possedimento dei Marchesi Del Carretto seguiti dagli Scarampi. Nei primi anni del XVIII secolo fu conquistato dalla famiglia Savoia.

Da vedere:

La parrocchiale di Santa Maria della Neve, risalente ai primi anni del Novecento, è in stile neogotico con pianta a croce latina. Il battistero è decorato da stucchi e statue lignee, il presbiterio ospita un altare marmoreo risalente al Settecento ed affreschi, opera del Morgari, e decorazioni del Finati. Il campanile presenta bifore ed è sormontato da una cupola.
La chiesa di Sant'Agostino, probabilmente risalente alla fine del Seicento, si presenta in stile barocco. La facciata, scandita da colonne e sormontata da un timpano, è in mattoni a vista.
La cappella di San Giuseppe la cui esistenza era attestata già nei primi anni del Settecento.
La cappella della Natività di Maria Vergine di probabili origini quattrocentesche fu restaurata nel corso del Settecento e nella seconda metà del secolo successivo. Conserva un prezioso altare barocco e pregevoli decorazioni.
La chiesa dell'Assunta in località Castelletto.
L'oratorio di Santa Elisabetta in stile barocco.
La cappella di San Martino dell'Ottocento.
La chiesa di Santo Stefano a Perno.
La cappella di San Sebastiano.
Palazzo Scarampi fu fatto costruire dai Marchesi Del Carretto nel XVIII secolo sullo stesso luogo in cui si ergeva il preesistente castello.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 45.071 volte.

Scegli la lingua

italiano

english