Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Langhe e Roero Barolo

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Barolo

  • Virna di Borgogno Virna Vini Piemonte

    Il paese di Barolo si trova al centro delle Langhe, la zona viticola piemontese di maggior prestigio, le sue origini sono molto antiche ma il suo nome compare per la prima volta in un documento del 1200. Barolo è situato in una conca circondata da splendide...

  • Terre Da Vino Barolo

    Ai numerosi visitatori che giornalmente giungono in azienda non può sfuggire di essere circondati da vigneti a 360°. La situazione di per sé spettacolare è importante non solo perché la Langa è una delle grandi zone viticole del mondo, ma anche perché...

  • Vini Borgogno Barolo

    Il nome Borgogno è legato ad una delle più antiche case vinicole del Piemonte: nasce, infatti, nel 1761 con Bartolomeo Borgogno. Nel 1848 diventa fornitore del Collegio per i figli degli ufficiali dell'Esercito Sabaudo di Racconigi con il primo documento...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Barolo

Descrizione

Sul toponimo si registrano diverse teorie: la più credibile fa derivare Barolo dalla parola celtica "bas reul" che vuol dire luogo basso. Comune in provincia di Cuneo, situato su un altopiano immerso nel verde, circondato e protetto da colli, Barolo è il paese del vino per antonomasia: vi si coltivano le viti, unitamente alla passione ed alla tradizione enologica, già dalle epoche più antiche. Il culto del vino, celebrato con tanta costanza, attira moltissimi turisti che qui hanno la possibilità di gustare anche molti ottimi e caratteristici prodotti gastronomici e di sfruttare numerose occasioni per immergersi nella natura e conoscere i luoghi e gli edifici storici. C'è un vasto reticolato di sentieri e di strade che segnano le colline circostanti ricoperte di vigneti. Invero l'attività turistica oggi fa registrare una voce oramai importante dell'economia locale.
Senza dubbio la zona fu frequentata sin dall'epoca preistorica. Fu conquistata e colonizzata dai Romani, ma il primo vero sito abitativo si fa risalire al Medioevo. Dopo la caduta dell'Impero romano il territorio, privo di protezione e lasciato a se stesso, fu conquistato e dominato dai Longobardi. Fece parte prima della Contea di Alba e poi del Marchesato di Torino. A metà del XIII secolo la famiglia Falletti rilevò i possedimenti di Barolo, oltre ad una cinquantina di feudi, e li detenne a lungo. Nella seconda metà del XV secolo il paese divenne territorio del Monferrato, nel XVII fu dominato dai Savoia e successivamente fu invaso dalle truppe francesi.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale di San Donato nelle attuali forme risale al Settecento, fu costruita in sostituzione di un preesistente edificio. Si presenta con una struttura molto originale, con porticato antistante il portale d'ingresso, tre navate, cupola ottagonale ed un campaniletto in posizione retrostante.
Il castello dei Marchesi Falletti di Barolo della cui esistenza non si hanno notizie attendibili prima del X secolo. Dalla struttura possente, dotato di merli e bifore, fu edificato sicuramente per fini difensivi contro le scorrerie dei popoli invasori. I Falletti lo ristrutturarono e lo abitarono. Danneggiato nel corso del XVI secolo, fu rimaneggiato molte volte nel corso degli anni.
Il castello della Volta, situato in una posizione panoramica, fu fatto edificare nel XII secolo da Manfredo di Saluzzo. Il nome deriva da un episodio avvenuto nel XIV secolo: il crollo della volta del salone centrale, fatto letto dalla popolazione locale in chiave religiosa. Fu residenza della famiglia Falletti. Oggi appartiene ad un'azienda vinicola ed è piuttosto decadente.
Il Museo Etnografico ed Enologico del Barolo.
Il Museo del cavatappi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 37.906 volte.

Scegli la lingua

italiano

english