Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Entroterra Marchigiano Morrovalle

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Morrovalle

Descrizione

Il toponimo è composto da due parole: Morro (roccia) a cui è stata aggiunta "valle" per evitare confusioni con i centri omonimi. Comune in provincia di Macerata, il cui territorio si trova al confine con quello del capoluogo di provincia, è sede del Museo Internazionale del Presepio che raccoglie circa cinquecento esemplari.
Il rinvenimento di un monumento funebre e di una pavimentazione a mosaico, tradizionalmente legati all'antica civiltà romana, prova senza ombra di dubbio che in questa zona fu presente nel I e II secolo d.C. un insediamento romano. Dopo la dispersione dell'Impero, rimanendo prive di controllo ed ordine le regioni che una volta erano appartenute a Roma, fu estremamente semplice per i popoli invasori saccheggiare i centri abitati ed impadronirsi delle terre. Fu in questo periodo che le genti locali cercarono rifugio sulle vicine colline e costruirono le proprie abitazioni intorno ai castelli per poter avere il controllo dei confini dall'alto dei colli e godere di maggiore sicurezza. I Longobardi furono tra quelli che occuparono la zona ove sorge Morrovalle. Il centro risulta citato per la prima volta in documenti storici risalenti all'incirca all'anno Mille: in quel periodo fu sotto la giurisdizione del Vescovo di Fermo e, successivamente, di Guarnerio I, discendente di Werner dei Lenzburg e primo rappresentante della famiglia dei Lazzarini. Nel XII secolo l'area fu assediata dalle truppe di Federico Barbarossa, mentre dal XIII secolo Morrovalle giurò fedeltà al Vescovo di Fermo. I contrasti tra Guelfi e Ghibellini coinvolsero direttamente la città che nel XV secolo fu assediata dagli Aragonesi e successivamente dagli Sforza. Passò poi direttamente sotto la giurisdizione del Papato.

Da vedere:

La chiesa di San Bartolomeo, edificata nel 1586 per volere del Papa Sisto V, si presenta in stile neoclassico, ad una sola navata con cappelle laterali ed abside semicircolare dopo gli ampliamenti e le trasformazioni avvenute nel 1750. La facciata è divisa in due ordini ed è sormontata da un piccolo timpano.
Il santuario della Madonna dell'Acqua Santa risalente ai primi anni del Seicento.
La chiesa di Sant'Agostino risalente al XVII secolo.
Il convento francescano dell'XI secolo.
La piccola chiesa di San Giuseppe.
Palazzo Nada Vicoli, risalente al XVII secolo, fu progettato forse dal Vanvitelli.
Il palazzo comunale con la torre civica risalente al Trecento.
Palazzo Lazzarini del XIV secolo.
Palazzo Roberti del XVI secolo.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 29.789 volte.

Scegli la lingua

italiano

english