Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Entroterra Marchigiano Macerata

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Macerata

Descrizione

Situata su di un colle tra la vallata del fiume Potenza a nord e quella del Chienti a Sud, l'origine della città di Macerata è tradizionalmente connessa alla distruzione della colonia romana di Helvia Recina ad opera di Alarico nel 553; in seguito a tale evento la popolazione si spostò verso le alture, creando la cittadina medievale. Divenne libero comune solo nel 1138, incrementando ben presto la sua importanza. Nelle lotte tra Guelfi e Ghibellini seguì alternativamente i due partiti, finché passò alla Chiesa. Conobbe anche la signoria dei Varano e degli Sforza per poi ritornare definitivamente sotto il controllo dello Stato Pontificio.
Cuore pulsante della città è Piazza della Libertà, su cui si affacciano il Palazzo Comunale (XVII secolo), la Loggia dei Mercanti, realizzata da Cassiano da Fabriano e Matteo Sabbatini e commissionata da Alessandro Farnese, il futuri Papa Paolo III e la Torre dell'Orologio, dalla cui terrazza è possibile ammirare un panorama unico che spazia dai Monti Sibillini al mare.
La Cattedrale di Macerata risale all'anno Mille, ma venne successivamente riedificata, una prima volta nel Quattrocento e, infine, nella seconda metà del Settecento, su un progetto di Cosimo Morelli da Imola. La facciata non è mai stata terminata per problemi di fondi. L'interno della chiesa è composto da tre navate dal gusto neoclassico e dieci cappelle. Tra le opere conservate si segnalano due dipinti seicenteschi di Filippo Bellini, raffiguranti la Cena di Emmaus e l'Ultima Cena, un organo settecentesco, la pala con l'immagine della Madonna tra i Santi Sebastiano e Andrea, opera di Andrea Boscoli e la tela di Vincenzo Martini rappresentante San Carlo Borromeo, realizzata a fine Settecento.
Interessante è anche lo Sferisterio, costruzione neoclassica destinata al gioco del pallone al bracciale, sport molto in voga all'epoca, capace di ospitare fino a 7.000 spettatori. Oggi è utilizzata per ospitare eventi e manifestazioni.
Infine menzioniamo Palazzo Buonaccorsi, Palazzo Ricci, sede della Pinacoteca d'Arte Moderna e la Basilica della Madonna della Misericordia, originata da un'antica cappella votiva realizzata in una sola notte nel 1447 per allontanare il pericolo della peste, venne ricostruita su progetto di Luigi Vanvitelli nel 1734, riccamente decorata con stucchi e marmi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 55.837 volte.

Scegli la lingua

italiano

english