Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Entroterra Marchigiano Gualdo

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Gualdo

Descrizione

Il toponimo deriva dal longobardo "wald" (bosco). Comune in provincia di Macerata, situato tra i monti Sibillini ed il mare, su una collina tra le valli dei torrenti Tennacola e Salino, ai confini con la provincia di Fermo, Gualdo è un borgo medievale che offre al visitatore un'atmosfera suggestiva. Passeggiando tra i vicoli del centro, tra i resti delle torri che un tempo servivano ad avvistare i nemici, si ha come l'impressione di essere tornati indietro nel tempo. Numerosi sono i sentieri naturalistici che si diramano dal paese ed offrono l'occasione per trascorrere delle giornate in totale tranquillità.
Il borgo fu fondato intorno all'anno Mille, epoca in cui la zona era sottoposta ai Longobardi. A quel periodo risale la costruzione del castello e della prima cerchia di mura. Nella prima metà del XIV secolo fu sotto il controllo di Fermo e per questa ragione si pose in contrasto con il comune di San Ginesio, storico nemico di Fermo. Famosa fu la battaglia ingaggiata dai Fermani e dai Gualdesi nel 1374 presso San Ginesio. I contrasti tra i contendenti terminarono un secolo dopo, allorché il Papa definì i territori dei paesi. Gualdo appartenne a Fermo fino al 1827 quando passò nella provincia di Macerata ed ivi è rimasto fino ad oggi.

Da vedere:
La chiesa di San Savino, di probabile origine duecentesca, fu riedificata sul finire del XVIII secolo con pianta a croce greca ed in stile neoclassico. Al suo interno pregevoli opere del Ricci e del Liozzi ed un bassorilievo seicentesco in pietra raffigurante la Vergine.
La chiesa della Madonna delle Grazie, risalente con molta probabilità al XII secolo, presenta un porticato su due ordini e conserva un affresco quattrocentesco raffigurante la Madonna delle Grazie, oggetto di grande devozione.
Il convento francescano cinquecentesco.
Le antiche cinte murarie. Parzialmente visibile è la prima cinta muraria risalente al X secolo, la seconda è più tarda e fu costruita nel XIV secolo. Le cinque torri originarie sfortunatamente non sono giunte tutte a noi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 28.980 volte.

Scegli la lingua

italiano

english