Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Entroterra Marchigiano Cingoli

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Cingoli

Descrizione

Il toponimo deriva dal latino "Cingulum". Comune in provincia di Macerata, situato su un colle nella Valle del Musone, dalla sua particolare posizione è possibile godere di un magnifico panorama sulla zona circostante fino al mare: per questo è giustamente definito il balcone delle Marche. È un borgo fortificato, le cui mura medievali, ancora ben conservate, creano un'atmosfera molto suggestiva. Non tutte le porte che si aprivano nella cinta sono giunte a noi, ma fortunatamente sono ancora presenti le abitazioni medievali in pietra, così come le viuzze tortuose ed anguste. Tra i palazzi nobiliari si respirano la storia e l'arte.
Si ipotizza che il centro sia stato fondato da tribù picene, mentre la presenza di resti di strutture e di iscrizioni attesta che sicuramente il territorio fu colonizzato dai Romani nel II secolo a.C. e che in quello successivo acquisì una grande importanza dal punto di vista militare, protetto com'era dall'asperità del luogo. Fu proprio la particolare posizione occupata a salvaguardarlo dalle devastazioni provocate dalla guerra gotico-bizantina. Dopo l'invasione da parte dei Longobardi il territorio marchigiano fu diviso tra Ravenna ed il Ducato longobardo di Spoleto e Cingoli fu annesso al secondo. In epoca carolingia fu sottoposto al dominio papale e nel 1150 si costituì il Comune.

Da vedere:
La chiesa di San Esuperanzio in stile romanico-gotico fu fondata nel XII secolo dai Benedettini. Presenta una semplice facciata in pietra con rosone, è arricchita da un piccolo chiostro. L'interno ad unica navata è impreziosito da affreschi del XV-XVI secolo, dalla Flagellazione realizzata da Sebastiano del Piombo e da un polittico quattrocentesco di Antonio da Fabriano.
La Cattedrale, edificata nel 1564 sul luogo in cui si trovava una precedente pieve, presenta al suo interno una sola navata e tre grandi absidi ed un polittico trecentesco di Antonio da Fabriano.
La chiesa di San Domenico, la cui presenza è già attestata nel XIII secolo, fu trasformata nel Settecento.
La chiesa di San Nicolò del XIII secolo, in stile romanico-gotico, conserva una pala d'altare cinquecentesca, opera di Lorenzo Lotto, raffigurante la Madonna del Rosario.
La chiesa di San Francesco del Trecento fu rimaneggiata nel XVIII secolo. Conserva un prezioso Crocifisso ligneo seicentesco.
La chiesa di San Filippo Neri, di fondazione paleocristiana, ha una facciata romanica duecentesca. All'interno è in stile barocco.
Il Palazzo Municipale, risalente al XIII secolo, assunse forme rinascimentali nel Cinquecento. Presenta una facciata cinquecentesca con portico sovrastata dalla romanica Torre dell'Orologio. È sede del Museo Civico, al pianterreno ospita il Museo Archeologico Statale che custodisce reperti di epoca preistorica, romana e medievale.
Il vecchio carcere risalente al XIV secolo.
Palazzo Felici-Puccetti, edificato tra il XVII ed il XVIII secolo, presenta un portale riccamente scolpito ed un bel giardino ornato da nicchie e statue.
Palazzo Cavallini-Mucciolanti.
Il palazzo Vescovile.
Palazzo Castiglioni.
I palazzi Simonetti.
Palazzo Silvestri.
Palazzo Felici.
Palazzo Cima.
Palazzo Onori.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 35.867 volte.

Scegli la lingua

italiano

english