Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Entroterra Marchigiano Corinaldo

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Corinaldo

Descrizione

Corinaldo è un comune in provincia di Ancona, edificato lungo i versanti di un colle circondato da viti che producono il pregiato Verdicchio. Il territorio comunale, situato tra i fiumi Cesano e Misa, conserva integro il suo impianto urbanistico di origine tardo medievale, con le forti mura risalenti al XIV secolo, edificate in mattoni ed interrotte da bastioni a creare una sorta di scrigno che custodisce al suo interno splendidi palazzi, costruzioni gotiche, stradine tortuose, quartieri disposti a gradoni ed attraversati da vie a gradinata. È anche un luogo di fede perchè a Corinaldo nacque Santa Maria Goretti.
La città molto probabilmente sorse subito dopo l'anno Mille e per la sua posizione, tra lo Stato di Urbino ed il Marchesato di Ancona, fu contesa da Guelfi e Ghibellini. Fu sotto il governo di Nicolò Boscareto, nominato vicario imperiale. Nel 1360 fu distrutta dagli uomini di Papa Innocenzo VI e riedificata solo qualche anno più tardi e circondata da una cinta muraria visibile ancora oggi. Negli anni seguenti subì la dominazione degli Sforza e dei Della Rovere. Papa Leone X la elevò al rango di città e nel Seicento visse un periodo di grande sviluppo e benessere in ogni campo.

Da vedere:
La chiesa parrocchiale di San Francesco fu edificata nel XVIII secolo su progetto dell'architetto Vici. Presenta una facciata incompleta, cappelle laterali e conserva al suo interno dipinti del Ridolfi.
Il santuario dedicato a Santa Maria Goretti, già chiesa di Sant'Agostino e convento, è un complesso edificato tra il Seicento ed il Settecento in posizione sovrastante l'abitato.
La chiesa del Suffragio dalla pianta ottagonale
conserva un'opera del Ridolfi.
La chiesa della Madonna del Piano.
La chiesa dell'Addolorata.
Il palazzo comunale, costruito nel 1772 in luogo di un preesistente edificio dei Malatesta, di epoca rinascimentale, presenta una torre ed un bellissimo porticato.
Il campanile della chiesa di San Pietro, demolita nel 1870, ha subito una ristrutturazione nel XVIII secolo.
Le possenti mura, lunghe 912 metri, sono molto ben conservate.
Palazzo Cesarini Romualdi del Seicento.
La Civica Raccolta d'Arte dedicata a Claudio Ridolfi.
La Sala del Costume e delle Tradizioni popolari.
Il Teatro Goldoni del 1864.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.587 volte.

Scegli la lingua

italiano

english