Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Bologna e dintorni Zola Predosa

Strutture

I più visitati in Zola Predosa

  • Gaggioli Vini ed Ospitalità Romagnola

    Dal 1972 la famiglia Gaggioli Carlo e la figlia Maria Letizia, conduce l'omonima azienda di 22 ettari di vigneto specializzato, situata sulle colline Bolognesi in una zona di ripopolamento faunistico delimitata da siepi naturali e da boschi. La cantina...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Zola Predosa

Descrizione

Moderno centro industriale ed agricolo, situato a poca distanza da Bologna, Zola Predosa è adagiato tra la pianura e le morbide colline, solcate dal torrente Lavino. In questi luoghi l'insediamento umano è attestato da numerosi e importanti reperti archeologici già dall'Età del Bronzo. Le culture villanoviana, etrusca e romana sono documentate con reperti che si possono ammirare oggi al Museo Civico Archeologico di Bologna: corredi funebri di particolare pregio del periodo villanoviano, vasi e bellissime figure in bronzo del periodo etrusco come il famoso Efebo ritrovato nel podere Fruga alle falde del Monte Capra.
Caratteristica della città sono i numerosissimi pilastrini sparsi un po' ovunque nella città, simbolo di quella esigenza umana di segnare i luoghi con simboli religiosi.
Siti di interesse:
- la Chiesa dei Santi Nicolò e Agata, la maggiore tra le chiese della città, nata dalla fusione delle due precedenti chiese intitolate a San Nicolò e Sant'Agata, avvenuta nel Quattrocento. All'interno pregevoli decorazioni in stucco e sculture di Giuseppe Callegari.
- la Chiesa di Santa Maria di Gesso, già esistente nel XII secolo all'interno del castello di Gesso, e più volte ricostruita nel corso dei secoli. La struttura attuale risale al seicento e conserva sculture di Giacomo Quadri e pitture di Girolamo Bonesi.
- la Chiesa di Cristo Re, realizzata in stile neogotico dall'ingegner Giuseppe Gualandi nel 1926;
- la Chiesa di San Luigi, realizzata nel 1975 su progetto dell'architetto Glauco Gresleri;
- Palazzo Albergati, iniziato nella seconda metà del XVII secolo su commissione di Girolamo Albergati Capacelli. L'edificio ha forma e dimensioni tali da costituire un punto di riferimento per tutto il territorio circostante. L'austerità dell'esterno contrasta con l'imprevedibile eleganza barocca dell'interno. I soffitti a volta sono stati affrescati con temi mitologici e rappresentano un momento importante della pittura emiliana fra '600 e '700; gli autori sono Alboresi, Colonna, Burrini, Pesci, Valliani, Bigari e Orlandi. Visitato da moltissimi personaggi della politica e della cultura europea, nel '700 le sue grandi sale furono utilizzate da Francesco Albergati, commediografo e attore, come teatro per musica e prosa.
- Villa Edvige Garagnani, risalente alla seconda metà del Settecento, splendido esempio di dimora borghese di villeggiatura;
- Palazzo Bentivoglio-Pepoli (XVI secolo);
- Palazzo Stella (XVIII secolo);
- Villa delle Tombe, di origini medievali;
- Villa Magnani Guidotti (XVII secolo);
- Villa Zanchini Garagnani (XVII secolo);
- Villa Quattro Torri (XVII secolo);
- Villa Balzani (XIX secolo);
- Villa Maccaferri (inizi XX secolo),
- Villa Bertoloni Marcovigi (XIX secolo);
- Villa Ricci Signorini (XVII secolo);
- Villa Socini-Portoni Rossi (XVI secolo);
- il nuovo Municipio, terminato nel 1991 su progetto di Ivo Tagliaventi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 35.008 volte.

Scegli la lingua

italiano

english