Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Bologna e dintorni Ozzano dell'Emilia

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Ozzano dell'Emilia

Descrizione

Ozzano dell'Emilia è un comune dell provincia di Bologna, situato lungo la via Emilia, tra le colline del Parco regionale del Gessi Bolognesi e dei Calanchi dell'Abbadessa. Le sue origini risalgono al periodo romano, quando nell'attuale frazione di Maggio sorgeva la città romana di Claterna, la cui esistenza è documentata da numerosissimi ritrovamenti risalenti proprio a quel periodo storico, molti dei quali sono esposti presso il Museo Civico di Bologna. Nel 1176 tu teatro di una sanguinosa battaglia tra l'esercito bolognese e il Barbarossa.
Siti di interesse:
- la piccola Chiesa di Sant'Andrea, che custodisce le spoglie della Beata Lucia da Settefonti, protagonista di una leggenda popolare: costei, infatti, era invano amata da un giovane cavaliere che, per dimenticare questo amore impossibile, si recò in Terrasanta. Fatto prigioniero ed in preda ai forti sintomi della febbre, vide in sogno la suora (che nel frattempo si era spenta santamente) e, improvvisamente, si ritrovò nei pressi della sua tomba dove lasciò i ceppi che tutt'ora pendono dall'altare.
- la Chiesa di San Cristoforo e San Carlo, la cui attuale facciata è frutto di rimaneggiamenti apportati nel 1924 dall'arch. Rivani;
- la Chiesa di Santa Maria della Quaderna, menzionata già nel 1365. Il campanile ha forme seicentesche mentre l'interno ha subito rimaneggiamenti nel corso dell'Ottocento. Conserva una splendida Natività della Madonna di Orazio Samacchini;
- il Museo Archeologico Romano, con reperti provenienti dagli scavi della città romana di Claterna.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 16.802 volte.

Scegli la lingua

italiano

english