Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Campagna laziale Viterbo

I più visitati in Viterbo

  • Villa Rossi Danielli Viterbo

    Davanti a me si estende uno spazio verde fino all'orizzonte. La Tenuta di Ferento. Riconosco tante colture diverse: grano, mais, barbabietola da zucchero, e quello che in estate diventerà un meraviglioso campo di girasoli. L'occhio è catturato da un'immensa...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Viterbo

Descrizione

Capoluogo dell'omonima provincia, normalmente detta "Tuscia", Viterbo è nota anche con l'appellativo di "Città dei Papi", perché sede del papato per 24 anni, dal 1257 al 1281.
I primi insediamenti risalgono al periodo Neolitico ed Eneolitico, mentre alquanto scarse risultano le testimonianze del passaggio etrusco (a differenza di quanto invece sostenevano gli storici quattrocenteschi). Con l'occupazione romana fu costruito il Castrum Herculis per la presenza di un tempio dedicato all'eroe mitologico. Tuttavia la città medioevale trae origine da una fortificazione longobarda, posta al confine tra i possessi della Tuscia ed il ducato bizantino di Roma.
Dopo l'anno Mille l'incremento demografico rese necessaria la realizzazione di nuovi borghi fuori dal castrum longobardo ed intorno al 1090 fu prolungato l'originario tratto di mura.
Dalla metà del XIII sec. Viterbo raggiunge il massimo della grandezza poiché diversi papi la scelsero come propria residenza e sede di conclavi.
Dal punto di vista architettonico, Viterbo non subisce trasformazioni fino al XVI sec., quando il fitto tessuto medievale è interrotto dalla nascita di residenze nobiliari. Tra XVIII e XIX sec. i più importanti interventi riguardano edifici di carattere pubblico: costruzione del nuovo Palazzo Apostolico (1779) e del Teatro dell'Unione (1854).
Il Palazzo Papale, eretto sul colle di San Lorenzo, come residenza-fotezza dei pontefici, fu ultimato nel 1266; la facciata, preceduta da un'ampia scalinata e sormontata da merlature, si apre con sei bifore unite da una cornice in risalto. La prospettiva è completata da una bella loggia gotica.
Particolarmente suggestiva l'odierna Piazza del Plebiscito, la cui creazione risale alla seconda metà del Duecento. Sulla piazza si affacciano il Palazzo dei Priori (risalente al 1264, ampliato nel 1448), con l'elegante portico e giardino interno, il Palazzo del Governatore, il Palazzo del Podestà (con la slanciata Torre dell'Orologio), l'antica Chiesa di Sant'Angelo (1145) e le vecchie carceri. Numerosi i palazzi medioevali, rinascimentali e seicenteschi sparsi nel centro storico e in modo particolare nei quartieri San Pellegrino e Pianoscarano: Palazzo degli Alessandri, Palazzo dei Gatti (XII sec.), Palazzetto Poscia (XIV sec.), Palazzetto Mazzatosta, Palazzo Farnese, Palazzo del Drago (XV sec.), Palazzo Chigi (XVI sec.), Palazzo Brugiotti (XVII sec.), sede del Museo della Ceramica.
Numerose e tutte di pregevole fattura le fontane tra cui quelle di piazza della Morte (1200), piazza Fontana Grande (1206), piazza S. Faustino (1251), Pianoscarano (1367), piazza della Rocca (XVI sec.), piazza delle Erbe (1621), piazza del Gesù (XVII sec.), Palazzo dei Priori (XVII sec.). Sempre a Viterbo, nella frazione di San Martino al Cimino, da visitare, contiguo all'Abbazia cistercense, il Palazzo dei Pamphili (XVII sec.) e il caratteristico centro storico seicentesco con le famose "case a schiera", uno dei primi esempi di urbanistica popolare.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 72.154 volte.

Scegli la lingua

italiano

english