Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Campagna laziale Tuscania

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Tuscania

Descrizione

E' un comune della provincia di Viterbo, situato su uno sperone tufaceo che domina la valle del Marta, importante via di comunicazione e di transumanza che collegava, sin dalla preistoria, il lago di Bolsena col Mar Tirreno. Due sono le leggende più accreditate circa la fondazione della città: c'è chi, infatti, sostiene sia stata fondata da Ascanio, figlio di Enea, e chi, invece, da Tusco, figlio di Ercole e Araxe.
Interessata da insediamenti abitativi sin dall'Età del Bronzo, l'area fu successivamente occupata dagli Etruschi che, sfruttando la favorevole posizione geografica di Tuscania, la resero una potenza commerciale ed economica. A differenza delle altre città etrusche, la dominazione romana non fece altro che incrementare la già solida economia della città: furono incrementate le botteghe artigiane per la realizzazione di sarcofagi, furono edificati acquedotti e terme e, in seguito alla guerra sociale, divenne "municipium" romano. Fu una delle prime sedi vescovili in Italia; conobbe la dominazione longobarda e, in seguito alla discesa delle truppe di Carlo Magno in Italia, fu ceduto allo Stato della Chiesa. Nell'XI secolo fu feudo degli Aldobrandeschi e dei Marchesi di Toscana; nel XII secolo si proclamò libero comune e si dotò di una possente cinta muraria per difendersi dagli attacchi dei nemici. Fu sempre al centro delle contese tra il potere del Papato e quello dell'Impero. Appartenne allo Stato Pontificio fino al 1870.
Siti di interesse:
- le numerose necropoli etrusche sparse in un raggio di un paio di km dal centro cittadino. In particolare la necropoli di Pian di Mola, di Scalette, di Carcarello, l'Ara del Tufo e la Tomba della Regina. Le più antiche hanno forma ogivale e risalgono all'VIII-VII secolo a.C.; successivamente si passò a tombe rupestri scavate nel fianco della roccia che riproducevano fedelmente l'ambiente familiare del defunto.
- il Museo Nazionale Archeologico Tuscanese, presso l'ex convento francescano della Chiesa di Santa Maria del Riposo, conserva ed espone straordinarie testimonianze sepolcrali di epoca etrusca e romana, rinvenute presso le necropoli della città.
- la Chiesa di San Pietro, in stile romanico lombardo, fu eretta nell'VIII secolo e si presenta a tre navate divise da colonne romane e presbiterio sopraelevato, affreschi bizantineggianti del XII secolo ed una bella cripta con volta a crociera sorretta da colonne provenienti da antichi edifici romani. La facciata, invece, è caratterizzata da un bel portale di scuola cosmatesca e da un pregevolissimo rosone, ricco di elementi decorativi, proveniente dalla medesima scuola.
- la Chiesa di Santa Maria Maggiore, eretta nell'VIII secolo e rimaneggiata nei secoli successivi, presenta una facciata su cui si aprono tre portali riccamente decorati, un bel rosone centrale ed una loggetta di colonne e archetti. All'interno spicca l'affresco del Giudizio Universale.
- il Duomo, fatto costruire nel XVI secolo dal cardinale Gambara;
- la Chiesa di Santa Maria del Riposo, di impianto benedettino, venne rimaneggiata integralmente nel XV secolo. Ricca di pitture cinquecentesche, conserva anche pregevoli capolavori d'arte, come un polittico attribuito ad un certo Maestro Pellegrino, una Madonna con Bambino di Antonio del Massaro e la Presentazione di Maria al tempio di Girolamo Sermoneta.
- la cinta muraria, il ci impianto primitivo risale al periodo tardo-etrusco, e fu ampliata e rinforzata in epoca medievale.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.991 volte.

Scegli la lingua

italiano

english