Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Campagna laziale Soriano nel Cimino

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Soriano nel Cimino

Descrizione

E' un comune della provincia di Viterbo, immerso tra i castagneti dei Monti Cimini e circondato da due corsi d'acqua, affluenti del Tevere. Dal punto di vista urbanistico si presenta come un centro dall'aspetto medievale, dominato dall'imponente sagoma del Castello Orsini, attorno al quale si sono, poi, sviluppate le abitazioni civili che seguono il pendìo della collina. Menzionato per la prima volta dallo storico latino Tito Livio nella sua opera "Ab Urbe Condita", nella quale narra come le truppe romane sconfissero quelle etrusche che abitavano nella zona del Monte Cimino, nel corso del IV secolo d.C. le popolazioni locali furono evangelizzate da Sant'Eutizio, martirizzato da Diocleziano e sepolto presso le catacombe di Soriano.
Dopo la caduta dell'Impero Romano, fu oggetto di scorrerie da parte dei Barbari invasori; il territorio fu donato al Papa dal re longobardo Liutprando. Dopo essere stato sotto il controllo dei Monaci Benedettini, fu ceduto agli Orsini che intrapresero la costruzione del castello, tutt'ora visibile. Nel 1420 le truppe bretoni, chiamate dal Papa per sedare alcune rivolte, lasciarono la Rocca e Soriano fu affidata ai Colonna. A questi seguirono altri signori locali, spesso legati da vincoli di parentela con il Papa di turno.
Siti di interesse:
- il Castello Orsini, l'edificio più rappresentativo del paese, circondato da alte mura merlate. E' composto da un palazzo, fatto edificare da Papa Nicolò III Orsini, da una torre più antica e da una serie di edifici minori che collegano i primi due. Attorno al castello si sviluppa l'antico borgo medievale, con stradine strette e tortuose.
- Palazzo Chigi, edificato nella seconda metà del Cinquecento dal cardinale Madruzzo, a cui si deve anche la costruzione della Fontana di Papacqua che abbellisce la terrazza su cui si apre il portone d'ingresso. È composta da bassorilievi scolpiti nella roccia con una serie di raffigurazioni: Mosè percuote con un bastone il masso da cui sgorga l'acqua per dissetare uno stuolo di ebrei imploranti; una gigantesca figura femminile tiene stretti a sé tre piccoli a riparo da un satiro; un pastore con il suo gregge suona il flauto e un grande dio Pan squarcia il suolo agitando una verga.
- la settecentesca Chiesa di San Nicola di Bari, progettata da Giulio Camporese in stile neoclassico. L'interno è a croce greca con rosoni in stucco, un pregevole coro ligneo, un trittico quattrocentesco e la statua gotica di Sant'Antonio Abate. L'esterno presenta colonne in stile dorico, al primo piano, e ionico al secondo, divisi da un cornicione al centro del quale si apre un finestrone.
- la Chiesa di Sant'Eutizio, realizzata nel medioevo ma rimaneggiata nel Settecento, con un trecentesco oliario marmoreo attribuito ad Andrea Bregno;
- la Chiesa di San Giorgio, realizzata nell'XI secolo in stile romanico, con eleganti motivi ornamentali nel portale, nell'abside e nel timpano;
- la Chiesa della Santissima Trinità, realizzata nel Settecento, e al cui interno è possibile ammirare un'immagine della Madonna con Bambino di scuola senese;
- la seicentesca Chiesa di Sant'Antonio di Padova;
- la Chiesa della Madonna del Poggio, con annesso convento;
- Porta Romana, fatta costruire dal principe Carlo Albani nel XVIII secolo al fine di fissare un limite al caseggiato.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 33.932 volte.

Scegli la lingua

italiano

english