Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Campagna laziale Civitella d'Agliano

I più visitati in Civitella d'Agliano

  • CASTELLO DI SANTA MARIA

    Nella tranquilla atmosfera dei nostri saloni, arredati con eleganza, "amore per il bello" e lusso, potrete gustare una romantica cena per due, a lume di candela o organizzare qualunque evento fino a 200 persone. Il Castello Santa Maria è una location...

  • Mottura Vini ed Ospitalità

    Nelle vigne Mottura vengono coltivate diverse varietà: il Procanico, con grappolo spargolo, molto resistente alle muffe, di colore rosso oro di limitata produttività e buona personalità; il Verdello, con grappolo compatto di cupo color verde, ottima acidità...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Civitella d'Agliano

Descrizione

E' un piccolo borgo dal tipico aspetto medievale della provincia di Viterbo, abitato sin dai tempi più remoti da popolazioni etrusche, prime, e romane, poi, come testimoniano i ritrovamenti di sepolture, ville, colonne e cippi risalenti a teli periodi storici. Dall'esame di documenti ed atti, gli storici concordano nel datare l'origine di Civitella e del suo castello all'XI secolo, quando fu eretto dai Conti di Bagnoregio, i cui discendenti molto più tardi assunsero il nome di Monaldeschi della Cervara. Dopo ripetuti scontri con lo Stato della Chiesa, nel 1415 la Camera Apostolica cacciò definitivamente i Monaldeschi. Nel 1564 divenne comune e, nel 1870, fu annesso al Regno d'Italia.
Siti di interesse:
- la Rocca Monaldesca, con l'imponente bastione, che domina e caratterizza il borgo;
- la quattrocentesca Chiesa priorale di San Pietro e Callisto, rimaneggiata nel Novecento e realizzata su una preesistente chiesa benedettina dell'anno Mille;
- la Chiesa della Madonna delle Grazie, al cui interno è stato scoperto e restaurato un prezioso affresco quattrocentesco attribuito al Pastura;
- la quattrocentesca Chiesa del Conventino, situata fuori dal centro abitato.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 52.440 volte.

Scegli la lingua

italiano

english