Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Campagna laziale Rieti

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Rieti

Descrizione

Capoluogo dell'omonima provincia, ancora oggi chiamata Sabina, Rieti sorge proprio nel centro geografico della penisola (umbiliculus Italiae), lungo la fertile pianura Reatina alle pendici del Terminillo ed atraversata dalle acque del fiume Velino.
Anticamente la piana era occupata dalle acque del Lacus Velinus e fu bonificata già in epoca romana, dirottando le acque in territorio umbro, dove formano ancora oggi la cascata più alta e famosa d'Europa: la Cascata delle Marmore.
L'area fu abitata sin dall'Età del Ferro e solo successivamente fu conquistata dai Sabini, assoggettati, poi, dai Romani nel 290 a.C. ad opera del console Mario Curio Dentato. Seguì, quindi, le sorti di Roma, dal periodo d'oro dell'Impero fino al lento decadimento e le successive e disastrose invasioni barbariche.
Rieti divenne libero comune nel 1178 e da fu sempre schierata a fianco del papato nelle controversie con il potere secolare. Un periodo fondamentale per l'espansione della cittadina è sicuramente il duecento, con l'edificazione di numerosi edifici pubblici e religiosi e la ricostruzione delle mura. Durante i secoli XV e si ebbero le dispute territoriali con l'Abruzzo per questioni di confine e con Terni per la cava delle Marmore.
In stile romanico, la Cattedrale di Santa Maria Extra Moenia è a tre navate con facciata a capanna e splendido portale Duecentesco. All'interno sono conservati notevoli capolavori artistici, tra cui segnaliamo un affresco di Antonazzo Romano, una statua di Santa Barbara scolpita da Giovannantonio mari su disegno del Bernini ed una tela di Andrea Sacchi.
Il campanile è scandito da finestre monofore, bifore e trifore e decorato da ornamenti in cotto. Adiacente alla Chiesa si trova il Battistero esagonale decorato da affreschi di diversi periodi, tra cui il Giudizio Universale e gli episodi della vita di San Giovanni Battista.
Meritano di essere visitate, inoltre, le Chiese gotiche duecentesche di San Francesco (con affreschi del Trecento), di San Domenico e di Sant'Agostino (con un affresco di Liberato di Benedetto da Rieti); la settecentesca Chiesa di San Ruffo, nella quale si ammira una bella tela caraveggesca dello Spadarino, l'Oratorio di San Pietro Martire, istoriato con affreschi raffiguranti il Giudizio Universale, eseguiti da Lorenzo e Bartolomeo Torresani (1552 - 1554), la Chiesina di San Pietro Martire a via delle Molina (con superbo soffitto intagliato e dorato e tele di Ascani Vincenzo Manenti), la Chiesa di Sant'Antonio Abate, con facciata di Giacomo Vignola, la Chiesa di Santa Scolastica, di Francesco Fontana, con tela di Andrea Sacchi ed il neoclassico Palazzo Ricci, di Giovanni Stern.
Infine, non possiamo tralasciare i resti del ponte romano lungo il fiume Velino, le mura medievali che ancora cingono un lato della città di Rieti e sulle quali insistono alcune porte d'ingresso (Porta d'Arci, Porta Aringo, Porta Conca, Porta Cintia e Porta Romana), il Monumento alla Lira, realizzato dalla fusione di due milioni e duecento mila monete da 200 lire e rappresenta l'Italia turrita che sostiene una grossa moneta da una lira, e il Teatro Vespasiano, costruito verso la fine del 1800.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.015 volte.

Scegli la lingua

italiano

english