Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Dintorni di Venezia Marcon

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Marcon

Descrizione

Il toponimo deriva dall'antroponimo latino Marcus. Comune in provincia di Venezia, Marcon è situato su un'area completamente pianeggiante, attraversata da canali e da diversi corsi d'acqua.
Benché non siano giunte fino ai giorni nostri testimonianze evidenti della presenza dell'Impero romano, la conformazione delle arterie viarie e la vicinanza rispetto ad Altino consentono di dedurre che la zona subì l'influsso positivo di Roma. Il primo atto storico in cui si fa riferimento a Marcon risale all'anno Mille: si tratta di un atto di donazione da parte del Vescovo di Treviso ai Benedettini di Mogliano che amministrarono il territorio fino al XV secolo. L'area era caratterizzata dalla presenza di boschi e stagni e per questo motivo rimase a lungo poco appetibile e scarsamente popolata. Morcon, così come la provincia di Venezia, fu conquistato dalle truppe francesi guidate da Napoleone e riconosciuto comune autonomo nel 1807. Sotto il dominio asburgico fu accorpato a Mogliano, riconquistando la sua autonomia nel 1818.

Da vedere:

La chiesa arcipretale di San Giorgio, di cui si hanno notizie documentate sin dal XII secolo, fu costruita nelle forme attuali nel Settecento. Ad unica navata, custodisce al suo interno cinque altari del XVIII secolo, una tela del Boldini, quattro pregevoli statue in legno, un organo risalente alla fine del XIX secolo, un tabernacolo cinquecentesco ed un prezioso pannello decorativo policromo dedicato a San Giorgio.
Il tempietto di San Giuseppe, risalente alla fine del Seicento, è in un elegante stile rococò con piccolo campanile a vela. Conserva un tela seicentesca del Ruberti.
La chiesa di San Bartolomeo del XVIII secolo conserva preziose tele ed un bellissimo altare marmoreo intarsiato.
La chiesa dei Santi Benedetto, Cirillo e Metodio fu realizzata su progetto dell'architetto Barbisan nel XX secolo.
La cappella e la barchessa di Villa Astori sono tutto ciò che rimane di un vasto complesso realizzato nel Seicento.
Villa Pauletta edificata nel XVII secolo.
Il Parco dello Zero.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.653 volte.

Scegli la lingua

italiano

english