Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Dintorni di Venezia Fossò

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Fossò

Descrizione

Il toponimo è legato alla parola latina "fossadum", forse in riferimento ad un ramo minore del fiume Brenta. Comune in provincia di Venezia, situato ai confini con il territorio di Padova, nella zona della Riviera del Brenta, il territorio di Fossò si estende su una fertile pianura, fattore che ha favorito particolarmente le attività agricole.
Sicuramente abitata dall'uomo sin dalla preistoria, non esistono dati sufficienti per determinare con sicurezza la data di fondazione, né le ragioni che l'hanno determinata. Le prime notizie documentate, circa l'esistenza del paese, risalgono ai primissimi anni dell'XI secolo e si riferiscono ad un atto in cui viene confermato il controllo di alcune terre (tra cui figurava Fossò) all'Abate di Sant'Ilario. Per un lungo periodo, fino al Quattrocento, il paese fu sotto il dominio padovano ed in parte, per questioni di carattere giurisdizionale, sotto i feudatari di Mirano. La distanza dell'abitato rispetto alle principali arterie viarie fece sì che non fosse coinvolto direttamente dagli scontri che videro protagonista Padova, ad esclusione di un attacco subito nella seconda metà del XIV secolo. Nei primi anni del Quattrocento Fossò divenne territorio veneziano, vivendo un periodo di pace e benessere fino all'avvento di Napoleone. Sotto il governo asburgico il comune fu unito a quello di Sandon.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale di San Bartolomeo, edificata nel Settecento, è stata di recente oggetto di ristrutturazione. Nel corso dei restauri sono state scoperte tracce della primitiva pieve trecentesca. Conserva al suo interno un affresco risalente alla fine del XVIII secolo, forse opera del Canal, e tele del Longhi e del Vason.
La chiesa di San Giacomo Apostolo a Sandon, di antiche origini, mostra le forme che le furono conferite nel corso dei lavori di ristrutturazione posti in essere nel 1759. In quell'occasione fu costruito anche il campanile.
La chiesa della Beata Vergine del Rosario conserva affreschi settecenteschi ed un imponente altare veneziano.
Villa Salvatori, costruita nel Seicento, possiede un bellissimo porticato.
Casa Mulinari.
Villa Caffrè.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 18.043 volte.

Scegli la lingua

italiano

english