Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Dintorni di Venezia Camponogara

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Camponogara

Descrizione

Il toponimo deriva dal latino ed è composto dalle parole "campus" (campo) e "nucaria" (da "nux", ossia "noce"). Comune in provincia di Venezia, situato nei pressi del fiume Brenta, la zona è da sempre legata alla coltivazione delle viti ed alla produzione di ottimi e noti vini.
Benché le tracce degli originari insediamenti siano state cancellate dalle frequenti inondazioni del Brenta, si ritiene che la zona sia stata abitata da popolazioni venete e, successivamente, colonizzata dai Romani, come si può dedurre osservando la posizione delle strade che rispecchia la struttura regolare e schematica tipica delle vie dei centri romani. Il paese risulta citato per la prima volta in un documento risalente all'anno 897, anno in cui Camponogara fu concesso dall'Imperatore Berengario al Vescovo di Padova, suscitando il malcontento della popolazione. Nel XIII secolo fu coinvolto nelle lotte di Ezzelino da Romano. Divenuto territorio della Repubblica di Venezia, fu sconvolto dalla Guerra della Lega di Cambrai e, solo in epoca successiva, riuscì a godere di un periodo di pace e prosperità che rese possibile la realizzazione di eleganti ville che ancora oggi si possono ammirare. Caduta la Serenissima, il territorio passò alla Francia, all'Austria ed infine al Regno d'Italia.
Da vedere:
La chiesa di Santa Maria Assunta e San Prosdocimo, la cui costruzione ebbe inizio nel 1774, presenta una facciata classicheggiante, sormontata da un timpano rifinito con dentellature ed arricchita da quattro colonne con capitello caratterizzate dalla presenza di robusti basamenti. Ai lati del portale, tra le colonne, si trovano due nicchie contenenti altrettante statue, altre tre statue si trovano sulla sommità dell'edificio. L'interno, ugualmente classicheggiante, conserva un pulpito in marmo policromo, un ciclo di affreschi e diverse pregevoli tele e statue di diversi autori. Il campanile precede la chiesa, poggia su un tronco di piramide e si eleva per molti metri, movimentato da colonne con capitello, feritoie ed un orologio. La cella campanaria, di colore diverso dal resto della struttura, è interrotta da eleganti finestre ogivali.
La chiesa di San Michele Arcangelo nella frazione Prozzolo.
La chiesa di San Giovanni Battista di Premaore.
La chiesa parrocchiale di Santa Apollonia.
Villa Manfredini, costruita nel XVI secolo, si presenta in stile rinascimentale .
Villa Sargenti Giantin a Capoverardo risalente al Settecento.
Palazzo Papafava dei Carresi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 21.211 volte.

Scegli la lingua

italiano

english