Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Valsesia Ghemme Aziende Vinicole Antichi Vigneti di Cantalupo Piemonte

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Ghemme

  • Antichi Vigneti di Cantalupo Piemonte

    Antichi Vigneti di Cantalupo si trova a Ghemme, nell'alto Piemonte, una zona vocata, da oltre due millenni, al vino di pregio. L'azienda, di proprietà della famiglia Arlunno, oggi copre una superficie complessiva di oltre 100 ettari, di cui 34 di vigneti...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Antichi Vigneti di Cantalupo Piemonte

Produzione Vini di Qualità Vigneti Vespolina Nebbiolo Arneis Chardonnay Ghemme Novara Piemonte Italia

Contatti

Ghemme Via M. Buonarroti, 5 +39 0163 840041

Descrizione

Antichi Vigneti di Cantalupo si trova a Ghemme, nell'alto Piemonte, una zona vocata, da oltre due millenni, al vino di pregio. L'azienda, di proprietà della famiglia Arlunno, oggi copre una superficie complessiva di oltre 100 ettari, di cui 34 di vigneti articolati in differenti zone: Breclema, Carella, Livelli, Valera, Baraggiola, Rossini, Roccolo della Valle del tordo e Ronco di San Pietro, poste tra i 250 e i 310 metri sul livello del mare con esposizioni a Sud, Sud-Ovest. Le colline morenico alluvionali oggi coperte da vigneti si sono formate in tempi remoti con il ritiro del grande ghiacciaio del monte Rosa. Il terreno è ricco di ciottoli facilmente disgregabili così da rendere disponibile alle viti una grande quantità di minerali oltre a microelementi che contribuiscono a caratterizzare l'organolettica dei vini.

La produzione di Antichi Vigneti di Cantalupo si esprime principalmente con il vitigno Nebbiolo (80 per cento dell'estensione vitata), chiamato localmente Spanna, l'uva spinea di Plinio.

Non viene trascurata la valorizzazione delle autoctone Vespolina e Uva Rara, nonché del Greco assemblato con Arneis e Chardonnay. Tutte le principali operazioni colturali (potatura, legatura, sfogliatura, diradamento dei grappoli) vengono eseguite manualmente. Anche la vendemmia viene fatta a mano in tempi diversi per ogni appezzamento e tipo di vitigno affinché sia garantito un grado di maturazione ottimale delle uve. L'invecchiamento dei vini avviene sia in tradizionali botti di rovere di Slavonia, sia in piccoli fusti di rovere francese posti nella suggestiva cantina a gradoni ricavata nel cuore della collina. La personalità dei vini di Cantalupo si è perfezionata negli anni grazie a ricerche e innovazioni continue in armonia con la cultura, la storia ed il bagaglio di esperienza tecnica dell'azienda.

Il fulcro degli Antichi Vigneti di Cantalupo è rappresentato dalla suggestiva cantina a gradoni ricavata nel cuore della collina. Ideata e progettata dall'architetto Gianni Arlunno, fratello di Alberto, è nata dall'esigenza di radunare in un'unica struttura la produzione di Cantalupo che precedentemente veniva vinificata nella vecchia sede di famiglia nel centro storico di Ghemme.

La costruzione, iniziata nel 1977, ha un impianto estremamente lineare. Un porticato delimita sui tre lati la parte emergente dell'edificio; sulla sinistra i locali della fermentazione, sulla destra gli ambienti per il confezionamento e gli uffici, al centro l'asse visuale che conduce nel cuore dell'azienda: la cantina di invecchiamento.

É questa un'area completamente interrata che segue con i suoi gradoni l'andamento ascendente della collina sovrastante.Un impatto imponente che consente la visione di tutte le preziose botti collocate in questo teatro di invecchiamento esteso su 1.200 metri quadrati.

Lo spazio viene rigorosamente scandito da colonne ricorrenti su tre gradoni che definiscono l'alternanza delle botti.

Sotto il primo gradone è stato ricavato l'infernotto, luogo di profonda quiete, buio, con uno stretto corridoio su cui si affacciano le celle che ospitano per almeno un anno i Ghemme ed i suoi cru.

La visione d'insieme della struttura vuole generare nella mente del visitatore la consapevolezza dell'immutabilità del tempo, sensazione che Gianni Arlunno aveva percepito anni prima di fronte all'anfiteatro roccioso della Valle dei Re, a Tebe, dominato dal tempio della regina Hatshepsut (XVIII dinastia), reiterata successione di gradoni scanditi da ritti ripetitivi che salgono verso il cielo. Dal tempio della regina al tempio del vino.

I vigneti di Cantalupo sorgono sulla collina di origine morenico-alluvionale che si estende dallo sbocco della Valsesia alla pianura novarese. La morena ha una forma triangolare, lunga 14 Km e larga alla base 7. È stata formata dai depositi trasportati a valle ed accumulati nel tempo dal ghiacciaio del monte Rosa. Il terreno "è un colossale campionario mineralogico della soprastante catena alpina, composto da ciottoli di granito, di porfido, di detriti di ghiaia, di schisti, micascisti, di serpentino, di sfaldature di rocce dolomitiche del Fenera, di ciottoli anfibolici" (Nicolini, 1904).

Si tratta di un terreno tendenzialmente povero, poco fertile in generale ma, appunto per questo, atto ad esaltare le caratteristiche della vite. Il fronte Ovest di tale suggestivo terrazzo, delimitato dal fiume Sesia, è la parte di più recente formazione. Lungo tale fascia si trovano, sotto un sottile strato argilloso, infiniti ciottoli di modeste dimensioni apparentemente integri, ma disgregabili con una seppur minima pressione. È questo il regno delle radici del Nebbiolo che trova, nel prezioso deposito di innumerevoli sali minerali, una fonte rara da cui trarre finezza, caratterizzazione ed originalità di gusti e di profumi.

Mappa

La pagina web di questa struttura è stata visitata 22.732 volte.

Scegli la lingua

italiano

english