Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Valsesia Campertogno

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Campertogno

  • Relais San Rocco Valsesia

    Una prestigiosa residenza ottocentesca incastonata tra le baite di un borgo seicentesco, riportata al suo fascino antico e trasformata in un confortevole quattro stelle. Affreschi e mobili d'epoca riletti secondo le cifre stilistiche del design contemporaneo...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Campertogno

Descrizione

Il toponimo per alcuni deriverebbe dal latino "Campus Artoniae" (Campo di Artogna), per altri la seconda parte del nome deriverebbe dal latino "arctare" (restringere) con riferimento alle caratteristiche topografiche. E' un comune montano in provincia di Vercelli, situato nella zona medio-alta della Val Sesia, a poco più di 800 metri sul livello del mare, a soli 86 chilometri dal capoluogo, tra Riva Valdobbia e Piode, seguendo il corso del fiume Sesia. Il territorio comunale è caratterizzato da una marcata eterogeneità, distribuito com'è tra montagna, il monte della Meja, e pianura, il Vallone e Valle Artogna. Legato alle scuole di scultura ed intaglio del legno, offre itinerari di trekking, come il percorso alla volta di Cangello a 1364 metri.
Il paese ha condiviso le vicende del territorio della Valsesia: la presenza umana è stata attestata sin dalle epoche preistoriche, sono seguite la dominazione romana, le invasioni barbariche, la conquista da parte dei Longobardi e in età medievale la colonizzazione Walser. In epoca successiva il territorio appartenne al Ducato di Milano. Il 25 aprile 1415 il vescovo di Novara pose fine alle controversie con gli abitanti di Scopa separando le parrocchie e costituendo quella di Campertogno.
La Valsesia appartenne ai Savoia, alla Francia e al Regno di Sardegna. La zona che era stata con alterne vicende accorpata alla provincia di Novara, nel 1926 entra a far parte di quella di Vercelli.

Da vedere:

L'oratorio di Santa Marta, risalente al XVII secolo, presenta un altare in legno, pitture ed affreschi di notevole pregio, all'esterno si trova un porticato in pietra arricchito da un affresco raffigurante la Crocifissione.
La parrocchiale di San Giacomo Maggiore, il più importante e al tempo stesso imponente monumento del paese risale al XVII secolo.Affrescata e arricchita da pitture, presenta un organo risalente ai primi anni del Seicento, il campanile a pianta quadrata costruito alla fine del Cinquecento. Il museo parrocchiale ospita pitture, sculture e mobili appartenuti alle diverse cappelle e chiese diffuse sul territorio.
La chiesa di San Marco, situata nella frazione Tetti, risale probabilmente alla fine del XV secolo, presenta sulla facciata affreschi del 1752, opera di Antonio Orgiazzi, raffiguranti l'Annunciazione, i santi Marco, Giovanni Battista e Giulio e medaglioni realizzati nel 1870 da Giuseppe Avondo, un altro affresco risalente al Settecento decora un lato esterno dell'edificio, raffigura San Francesco. All'interno quadri realizzati da Orgiazzi nel 1771, così come gli affreschi intorno all'altare, sull'altare la statua di San Marco realizzata al principio del Seicento da artista sconosciuto
La chiesa di San Bernardo, risalente al XV secolo, fu costruita in sostituzione di una precedente cappella. Presenta una sola navata con soffitto a cassettoni e coro pentagonale, sull'altare un'ancona affrescata alla fine del Cinquecento, busti in legno risalenti al Seicento raffiguranti Santa Clara e Santa Colomba.
L'oratorio di San Pietro in Vincoli.
L'oratorio di San Pietro in frazione Rusa.
L'oratorio di San Rocco in frazione Piana.
L'oratorio della Visitazione di Maria Vergine.
L'oratorio della Madonna delle Grazie.
L'oratorio della Madonna degli Angeli nella frazione Selletto.
L'oratorio di Santa Maria Maddalena.
L'oratorio di Sant'Agata in frazione Villa.
Il santuario della Madonna del Callone risalente al XV secolo.
La cappella della Madonna del Rosario del XVI secolo.
La cappella della Madonna Incoronata risalente al XVI secolo.
La chiesa di San Carlo risalente al XVII secolo.
Le quindici cappellette risalenti al XIV secolo.
Il Museo della Parrocchia di Campertogno.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 36.538 volte.

Scegli la lingua

italiano

english