Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Valsesia Macugnaga

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Macugnaga

Descrizione

E' una località di sports invernali e soggiorno estivo in provincia di Verbano Cusio Ossola, alle pendici del Monte Rosa, sul lato in cui presenta la parete più alta. La zona è caratterizzata da una valle bagnata da ruscelli e cascate, adatta a passeggiate e trekking. È un comune sparso che spazia dai 900 e più agli oltre 4600 metri. Dispone di 40 chilometri di piste, impianti di risalita e moderne strutture ricettive. Il paese è collegato al ghiacciaio del Belvedere e al passo del Monte Moro per il tramite di seggiovia e funivia.
La zona di Macugnaga fu interessata da insediamenti umani sin dai tempi più remoti; tuttavia gli storici non sono concordi circa i primi abitanti: per alcuni furono i Celti, per altri i Romani e qualcun altro ritiene che siano stati i Saraceni. Il primo insediamento stabile avvenne ad opera di coloni Walser, nel XIII secolo, attirati dal clima mite e dai pascoli particolarmente ricchi. Questo popolo proveniente dalla Svizzera si dedicò alla pastorizia e all'agricoltura e diffuse la lingua, i costumi e le tradizionali case in legno con basamenti in pietra e tetti ricoperti di piode, di cui rimangono ancora magnifici esempi, alcuni dei quali risalenti al XVI secolo. Dopo essersi resa autonoma dai Conti di Biandrate, al dominio dei quali fu sottoposta a lungo, visse un periodo di tranquillità in cui riuscì ad autogovernarsi. Con le lotte tra Ghelfi e Ghibellini la Valle Anzasca si sottomise spontaneamente ai Visconti di Milano prima e agli Sforza poi e dal XVI secolo passò agli Spagnoli. Dal 1700 ebbe inizio lo sfruttamento minerario, di cui rimangono numerosi chilometri di gallerie, alcune visitabili.

Da vedere:

La Chiesa Vecchia ed il vicino tiglio di settecento anni di età e con una circonferenza di 7 metri. Si trovano a Staffa.
L'Oratorio della Madonna della Neve costruito nel 1653.
La Parrocchiale di Santa Maria Assunta a Staffa, la cui costruzione ebbe inizio alla fine del Settecento, presenta pianta rettangolare ed una sola navata.
Chiesa di San Rocco in frazione Motta.
Il Museo storico dell'Alpinismo, situato a Staffa, testimonia le tappe più significative della storia dell'alpinismo riguardanti la famigerata parete est, larga 3 chilometri ed alta 2600 metri, e le altre cime.
Il Museo della miniera aurifera della Guia.
La miniera d'oro della Guia.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 12.798 volte.

Scegli la lingua

italiano

english