Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Lago Maggiore e Lago d'Orta Meina

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Meina

Descrizione

Originariamente Màdina, è un comune in provincia di Novara, situato al confine con la Lombardia, vicino a Lesa, Arona, Angera. Affacciato sul Lago Maggiore, particolarmente suggestivo è il lido sul lungolago e le ville ottocentesche circondate da splendidi giardini. Particolarmente interessanti sono le due frazioni di Ghevio e Silvera, situate sulle colline del Vergante, in una posizione assolutamente favorevole per la vista sul lago. Ghevio presenta reperti risalenti al periodo gallico ed un campanile dell'XI secolo. Silvera, paese un tempo di scalpellini, è un piccolo grumo di case che vanta tra i suoi edifici storici, l'oratorio di San Rocco, una struttura risalente al 1684.
La zona è stata abitata sin dall'Età del Bronzo, come testimonia il ritrovamento di un'ascia in pietra. La prima notizia documentata sul paese risale all'anno Mille: in quel periodo viene citato come distretto territoriale autonomo. Nel 951 fu affidato da Berengario II al monastero di Santa Maria del Senature di Pavia ed appartenne in epoche successive a monasteri lombardi e all'Abbazia dei Santi Martiri di Arona. Nel XIV secolo fu inglobato nel distretto arcivescovile di Vergante e Lesa e nel XV secolo passò ai Borromeo. L'attività economica si evolse dall'esportazione di merci alla produzione delle cartiere ed industrie tessili.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale di Santa Margherita, santa patrona del paese, in stile barocco, fu consacrata nel 1785. Ingloba un ossario risalente al Seicento, presenta il battistero, le cappelle di San Carlo e Santa Margherita, un'abside decorata da tre affreschi dell'Ottocento.
L'oratorio di San Rocco in frazione Silvera risale al XIX.
L'oratorio di Sant'Anna in frazione Ghevio, originariamente intitolato a San Gottardo, risale all'epoca medievale.
La parrocchia di Maria Vergine Assunta nella frazione Ghevio presenta una torre campanaria di età romanica.
La chiesetta la Madonnina del XVI secolo.
Villa Kitzerow risalente al XVIII secolo.
Villa Faraone del XVIII secolo.
Villa Faraggiana.
Villa Paradiso.
Villa Eden.
Villa De Savairoux.
Villa Bonomi.
Il Palazzo Municipale del XVIII secolo.
Il Museo Europeo del Disegno.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 15.316 volte.

Scegli la lingua

italiano

english