Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Modena e Reggio Emilia Castelvetro di Modena

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Castelvetro di Modena

Descrizione

Comune della provincia di Modena, sede del più antico castello della zona preappenninica, Castelvetro di Modena è centro suggestivo e pittoresco, caratterizzato dall'emergere di torri e campanili. Sorge in un'area abitata dall'uomo sin dai tempi più remoti, come confermano i ritrovamenti archeologici risalenti al Paleolitico, all'Età del Ferro e a quella del Bronzo. Agli Etruschi successero i Galli Boi, sconfitti nel 218 a.C. dai Romani, che nel 150 a.C. realizzarono nella zona un presidio militare ("Castrum Vetus", da cui deriva il toponimo). In età altomedievale il borgo è noto con l'appellativo di "Castrovetere".
Feudo di Matilde di Canossa, alla sua morte gli abati di Nonantola lo infeudarono a due illustre famiglie, i Beccafava e i Manfredi. Successivamente passò ai Rangoni, fino all'eversione della feudalità.
Siti di interesse:
- il castello di Levizzano Rangone, menzionato per la prima volta in un documento dell'890 che lo descriveva come un baluardo difensivo contro i continui attacchi degli Ungari. Da semplice rocca difensiva man mano divenne un insediamento fortificato intorno all'anno Mille. Nel XII secolo venne ulteriormente ampliato con l'edificazione anche del Palazzo Feudale, mentre a partire dal XVI secolo, venute meno le antiche funzioni difensive, gli ambienti subirono una lenta trasformazione che li portò ad acquisire un'aspetto più signorile.
- Palazzo Comunale, anche detto Palazzo del Secondogenito, abitato da un discendente della famiglia Rangone fino all'avvento dell'età napoleonica;
- la Torre dell'Orologio, a pianta quadrata, è ciò che resta dell'antica fortificazione muraria sul lato est del castello;
- la Torre delle Prigioni, a pianta quadrangolare, situata sul lato ovest di Piazza Roma;
- Palazzo Rangoni, concesso da papa Giovanni XXII nel 1330 a Jacopino Rangoni, ampiamente rimaneggiato nei secoli successivi ed adibito a residenza signorile.
- la vecchia Chiesa parrocchiale dei Santi Senesio e Teopompo, nata come cappella privata dei Rangoni, fu successivamente ampliata per consentire l'afflusso di u numero maggiore di fedeli. In seguito all'edificazione della nuova chiesa parrocchiale, questa fu sconsacrata ed adibita ad abitazione privata.
- la nuova Chiesa Parrocchiale, edificata a partire dal 1897, in stile neogotico ed opere d'arte provenienti dalle altre chiese e oratori.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 43.874 volte.

Scegli la lingua

italiano

english