Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Parma e Piacenza Rivergaro Grappe Vini e Prodotti Tipici La Stoppa Vini Romagna

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Rivergaro

  • La Stoppa Vini Romagna

    LA STOPPA è un'azienda antica che con i suoi vigneti si arrampica solitaria sui declivi della val Trebbiola, non lontano dal fiume Trebbia, in provincia di Piacenza. L'azienda si estende su 52 ettari, 30 dei quali destinati a vigna, tutti accorpati e...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

La Stoppa Vini Romagna

Produzione Vino Qualità Barbera Bonarda Cabernet Sauvignon Doc Merlot Malvasia di Candia Aromatica Colli Piacentini Rivergaro Piacenza Emilia Romagna Italia

Contatti

Rivergaro 29029 Rivergaro +39 0523 958159 +39 0523 951141

Descrizione

LA STOPPA è un'azienda antica che con i suoi vigneti si arrampica solitaria sui declivi della val Trebbiola, non lontano dal fiume Trebbia, in provincia di Piacenza.

L'azienda si estende su 52 ettari, 30 dei quali destinati a vigna, tutti accorpati e dominati da un'elegante torre di impianto medievale. Più di cento anni fa, il suo precedente proprietario vi piantò viti francesi e produsse vini dai nomi significativi ed un po' curiosi perché italianizzati: Bordò, Bordò bianco e Pinò.

Nel 1973 La Stoppa fu acquistata dalla famiglia Pantaleoni, che in poco tempo razionalizzò gli impianti e rinnovò la cantina. Oggi l'azienda, è condotta da Elena Pantaleoni, che insieme all'enologo Giulio Armani ha voluto che i maggiori investimenti fossero destinati alla vigna.

Le basse rese naturali, dovute all'età media delle viti e al terreno povero, e la qualità intrinseca dei grappoli permettono di ricavare vini assai caratterizzati, nati in vigna e non traditi da un eccessivo lavoro in cantina. Ciò non significa che la tecnologia e le botti piccole non siano utilizzate, anzi. Ma queste servono per accompagnare il vino verso la sua maturità e non per tradirlo.

Oggi alla Stoppa si producono poche etichette, alcune legate alle uve autoctone, la Malvasia, la Barbera e la Bonarda, altre a vitigni storicamente presenti come il Cabernet Sauvignon, il Merlot e il Pinot Nero.

L'obiettivo è si quello di produrre vini moderni senza però tradire le memorie e le espressioni del territorio che qui si manifestano con sfumature e caratteri unici e propri.

LA STOPPA, la terra dove vivo e lavoro si confronta da lontano con il fiume Trebbia e da questo riceve aria, colori e luce.

Le piante, che hanno vita antica, danno naturalmente pochi grappoli.

Per la storia sono uve bordolesi. Io le sento uve di questa terra, materia da cui ricavare pochi vini che rimangono nella memoria; che sono miei, della mia gente e delle nostre colline.

Da quando mi occupo dell'azienda ho subito capito e sentito che il vino nasce nella vigna, per questo ogni mia energia è rivolta a curarla e a migliorarla.

Uso le stesse vigne che qui esistono da più di un secolo, senza chiedere nulla di più di quello che naturalmente possono dare.

I vini che voglio sono quelli che la storia mi ha consegnato: il passito dal colore d'ambra, i rossi che nascono dalle uve del territorio e da altre che furono portate dalla Francia come usava in Italia nell'Ottocento.

Non voglio che queste storie siano alterate da mode che come tali passano, voglio che le mie bottiglie vivano il loro tempo, e che quando saranno colte si goda a lungo dei loro colori, dei loro sapori e dei loro profumi.

Vorrei che dentro questi vini si riconoscessero e sentissero le mie passioni e la mia terra.

Mappa

La pagina web di questa struttura è stata visitata 26.884 volte.

Scegli la lingua

italiano

english