Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Parma e Piacenza Rivergaro

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Rivergaro

  • La Stoppa Vini Romagna

    LA STOPPA è un'azienda antica che con i suoi vigneti si arrampica solitaria sui declivi della val Trebbiola, non lontano dal fiume Trebbia, in provincia di Piacenza. L'azienda si estende su 52 ettari, 30 dei quali destinati a vigna, tutti accorpati e...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Rivergaro

Descrizione

Splendida località della Val Trebbia, sui rilievi dei Colli Piacentini, le origini del toponimo di Rivergaro sono, con molta probabilità, da ricercarsi nel piccolo ruscello che dai colli di Bassano attraversa il borgo fino al Trebbia, il "rio Vergaro", appunto.
Nel Medioevo fu un punto di riferimento per le fazioni ghibelline che spesso trovavano rifugio - specie dopo una sconfitta - tra le mura di un unitissimo castello, pianificando strategie e controffensive. Teatro di sanguinosi scontri tra nobili locali, nel 1548 passò agli Anguissola Scotti, la cui dimora sorge proprio sui ruderi dell'antico maniero fortificato.
Siti di interesse:
- l'Oratorio di San Rocco, ricostruito nel Seicento, conserva all'interno una pregevole tela del Pitocchetto;
- la Chiesa di Sant'Agata, realizzata dall'architetto Tomba in stile neoclassico;
- il Santuario della Madonna delle Grazie, posto in prossimità delle rovine del castello, presenta elementi in stile romanico;
- Villa Anguissola-Scotti, realizzata nel 1778 dall'architetto Tomba sulle fondazioni di un maniero fortificato dell'XI secolo;
- il Castello di Montechiaro, con un grande maschio a base quadrata, appartenne ai Malaspina;
- il Castello di Ottavello, a pianta quadrangolare, venne adibito a carcere quando non fu più utilizzato come presidio militare;
- la Rocca di Niviano, di proprietà dei Malaspina sin dal XII secolo;
- il Castello di Ancarano, di cui si ha notizia a partire dal 1466. Si evidenziano agevolmente due parti; la più antica presenta due torri circolari e tracce di mura scarpate in sasso vivo. Nella più recente si notano, oltre il coronamento della merlatura, belle finestre di gusto rinascimentale.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 28.600 volte.

Scegli la lingua

italiano

english