Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Parma e Piacenza Castell'Arquato

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Castell'Arquato

Descrizione

Castell'Arquato è uno splendido borgo medievale, adagiato sulle prime alture della Val d'Arda, lungo la riva sinistra del fiume Arda, in provincia di Piacenza. Sull'origine del toponimo si registrano due distinte correnti di pensiero: c'è chi ritiene che derivi dal patrizio romano Caio Torquato, che qui realizzò il primo "castrum", e chi, invece, da "castrum quadratum", in riferimento alla pianta quadrangolare del "castrum".
Il borgo ha probabili origini romane: già nel II secolo a.C. venne qui edificato un "castrum" a difesa dei territorio dagli attacchi dei Liguri. Fino al 1220 appartenne al vescovo di Piacenza, a cui successero le Signorie degli Scotti, dei Visconti e degli Sforza, sino a passare alla Camera Ducale di Parma.
Siti di interesse:
- il Conservatorio Villaggi, situato nella parte alta del borgo, è un edificio di interesse storico, eretto a cominciare dal 1663 e terminato nel 1700, dal capitano Francesco Guarnieri, in rispetto alla volontà dello zio defunto don Francesco Villaggi, che gli lasciava in eredità tutti i suoi averi. Da iniziale convento di clausura, il complesso, una volta detto "delle Luigine", divenne poi conservatorio, cioè convitto per le ragazze indigenti della Val d'Arda.
- la Chiesa della Santissima Trinità, attualmente sconsacrata, fu edificata nel 1770. Presenta una facciata divisa orizzontalmente in due parti: quella inferiore scandita da quattro paraste, quella superiore da paraste laterali e finestra centrale.
- la Chiesa di San Pietro, costruita nel 1594, con facciata a capanna delimitata da due paraste laterali e fronte in cotto, e divisa orizzontalmente da una serie di archetti in laterizio.
- la piccola Chiesa di Santo Stefano, risalente all'XI secolo e ricostruita nel Settecento. A fianco si erge il campanile, suddiviso in quattro livelli e terminante con una torretta aperta da archi a tutto sesto, con campanaria ottagonale.
- la Collegiata di Santa Maria Assunta, antica Pieve risalente al 758 e ricostruita nel 1117, presenta una facciata scandita in tre parti da robusti contrafforti. L'interno, semplice e austero, termina con tre bellissime absidi.
- la Rocca Viscontea, costruita nel 1342 da Luchino Visconti sulle fondamenta di un preesistente "castrum quadratum" di epoca romana. L'edificio non ha subito, fortunatamente, rifacimenti e non è mai stato convertito in abitazione signorile, mantenendo sempre la sua funzione militare. Attualmente il mastio è sede del Museo di Vita Medievale.
- il Torrione del Duca, detto Farnesiano, dal disegno semplice e austero, sorge nella parte bassa del borgo. A pianta quadrata ed alto 24 metri, sono sconosciuti sia l'architetto che l'epoca di costruzione.
- il Palazzo del Duca, residenza di Alessandro Sforza, duca di Segni, nella prima metà del Seicento. La struttura originaria fu fatta costruire da Alberto Scoto nel 1292 come edificio di giustizia.
- il Palazzo del Podestà, voluto da Alberto Scoto nel 1293. Si tratta di una struttura molto complessa, costituita da più volumi architettonici realizzati in cotto, che si dipartono da un unico grande blocco di tre piani d'altezza, che costituisce la parte duecentesca dell'edificio, costellato da merli a coda di rondine.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 30.864 volte.

Scegli la lingua

italiano

english