Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Valle d'Aosta Gran San Bernardo - Monte Cervino Saint-Oyen

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Saint-Oyen

Descrizione

Il toponimo deriva dal Santo patrono, Saint Oyen, appunto, al quale è dedicata la chiesa parrocchiale. Comune situato a quasi 1400 metri di quota nella Valle del Gran San Bernardo, lungo entrambe le sponde del torrente Artanavaz, ai confini con la Svizzera. La località consente di coniugare buona cucina, tranquillità e sport grazie alla attrezzata stazione sciistica di Flassin, con i suoi 5 chilometri di piste, e il Foyer de ski de fond, un attrezzato e moderno edificio sportivo.
Nel 1137 il conte Amedeo III di Savoia donò alla prepositura del Gran San Bernardo le terre dello Chateau Verdun, situate nel territorio di Saint Oyen. Lo Chateau era una sorta di pertinenza dell'Ospizio del Gran San Bernardo e divenne a sua volta un ospizio per i viandanti. Il podere si ampliò enormemente nel corso del XIII secolo, comportando il sorgere di numerose controversie con i comuni confinanti. Di particolare complessità fu la querelle per il possesso dell'alpeggio di Citrin, condotta con i signori di Etroubles, Bosses ed Avise. Il territorio fu sotto la diretta giurisdizione dei Savoia fino alla fine del XVI secolo. Questi ultimi, nel 1584, costituirono la baronia di Gignod comprendente anche Saint Etienne, Saint Martin de Corlèans, Etroubles, Saint Rhèmy, parte di Allein e Saint Oyen e l'assegnò in feudo a François de la Crete, come ricompensa per la dedizioni ed i servizi ricevuti.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale, dedicata a Saint Oyen, abate del VI secolo, è stata probabilmente costruita nel XII secolo, anno in cui fu costituita la parrocchia, purtroppo la sua esistenza è documentata solo a partire dal 1820, periodo in cui fu totalmente ricostruita. Restaurata nel XX secolo, presenta un campanile a base quadrata con due file di bifore alquanto distanti tra loro ed è sormontato da una cuspide a forma di cono. All'interno conserva arredi liturgici di pregio, tra cui un reliquiario in argento con cristalli risalente al XVII secolo e realizzato da un artista svizzero.
Lo Chateau Verdun, eretto tra il X e l'XI secolo, fu donato da Amedeo III di Savoia ai Canonici dell'Ospizio del Gran San Bernardo che se ne servirono come stazione di sosta ed azienda agricola magistralmente organizzata. Oggi è ancora di proprietà dei Canonici. E'un complesso architettonico la cui struttura centrale si presenta a struttura quadrata con copertura a quattro spioventi dall'aspetto imponente. Ristrutturato nel 1992, ospita i Canonici, incontri culturali e coloro che siano bisognosi di un luogo tranquillo ove potersi dedicare allo studio o alla riflessione. Conserva al suo interno arredi di pregio e presenta geniali soluzioni architettoniche.
La vecchia segheria in località Prenoud.
Le gite des chevreuils, un recinto per caprioli ben attrezzato, dotato di chalets per il ricovero degli animali, di abbeveratoi e mangiatoie. Si estende su una superficie di 8000 metri quadrati.
L'erbario realizzato dai Canonici del Gran San Bernardo, tra il 1850 ed il 1900, con 500 specie di erbe. E'esposto nella Biblioteca.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 13.569 volte.

Scegli la lingua

italiano

english