Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Valle d'Aosta Gran San Bernardo - Monte Cervino Gignod

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Gignod

Descrizione

Il toponimo potrebbe derivare dal nome latino di persona, Gennius, con in più il suffisso "od"indicante possesso. Comune montano in provincia di Aosta, comprendente ben 50 frazioni sparse intorno ai tre nuclei storici del paese (Buthier, Planet e Variney), Gignod è situata lungo il tracciato dell'antica Via Francigena, all'imbocco della Valle del Gran San Bernardo.
La zona era già occupata in epoca preromana, come confermato dal ritrovamento di cocci a Chatellair, di un bracciale in pietra e di una tomba nei pressi di La Condeminaz. La presenza dei Romani è testimoniata, invece, dal rinvenimento di un forno in mattoni, di monete imperiali risalenti al III secolo d.C. e di una tomba a Roinçod. Durante il Medioevo vi esercitò il dominio più di una famiglia nobiliare: i De Avisio che, verso la fine dell'XI secolo, lo concessero ai De Gignio. Questi possedevano un castello, già presente in loco nel 1228, le cui pietre furono utilizzate per la costruzione della chiesa parrocchiale. Anche altre famiglie dominarono su Gignod: gli Archiery, i Dossan ed i De La Porte fino al 1252, anno in cui i Savoia espropriarono il feudo per concederlo ai nobili di Quart. Questi ultimi si estinsero nel 1378 perdendone, quindi, la giurisdizione che tornò ai Savoia i quali lo detennero direttamente fino al 1584. Successivamente costituirono la baronia di Gignod, che fu al centro di un territorio che si estendeva fino a Saint Etienne e Saint Martin de Corlèans comprendendo due quartieri di Aosta ed Etroubles, Saint Oyen, Saint Rhèmy e parte di Allein, per concederlo a Jean de la Crete. Attraverso quest'ultimo ai marchesi Pallavicini.
.

Da vedere:

La torre di Gignod, situata a sud del capoluogo, presenta pianta quadrata e risale ai secoli XII-XIII.
La casa forte, esistente già dal 1409, è situata in una piccola valle a sud della torre, era di proprietà degli Archiery, famiglia che esercitava il suo potere sul feudo insieme con i De Gignio. Ha assunto il suo aspetto attuale alla fine del Cinquecento, quando era di proprietà dei D'Avise. Presenta finestre artisticamente lavorate.
La chiesa parrocchiale di Sant'Ilario, risalente al XV secolo, intorno al XIX secolo subì delle modifiche e successivi restauri nel XX secolo. All'esterno si mostra nella sua evidente semplicità, la linearità della facciata è interrotta solo da tre aperture, all'interno le tre navate sono divise da pilastri che sorreggono archi a sesto acuto, le volte sono a crociera. Conserva un altare maggiore di epoca barocca in legno intagliato, in alcuni punti dipinto, in altri dorato, risalente in parte al XVII, in parte al XVIII secolo, si trova su un sottostante altare in pietra, oltre ad alcuni affreschi risalenti alla fine del Quattrocento. Fu realizzata nel XVI secolo la vetrata dipinta, in origine situata nel rosone centrale della facciata, il lampadario in vetro di Murano è del XIX secolo, le statue raffiguranti San Leonardo, Sant'Antonio e Sant'Ilario sono seicentesche. Presenta un campanile massiccio, alto oltre 37 metri, in pietra a vista, risalente al XV secolo. Inglobato nella struttura della chiesa, abbellito da una sola fila di bifore, è sormontato da una cuspide a forma di tronco di cono.
Il piccolo museo parrocchiale, situato sulla destra dell'altare maggiore all'interno della chiesa di Sant'Ilario, raccoglie opere provenienti dalla chiesa e dai villaggi circostanti, tra cui una statua ed un busto del XV secolo, una Madonna con Bambino risalente al Quattrocento, una statua policroma raffigurante la Vergine e risalente al XIV secolo, un reliquiario in argento del XVIII secolo, croci astili del XV secolo.
La cappella dedicata ai Santi Magherita e Rocco a Buthier costruita nel 1625 e restaurata nel XIX e nel XX secolo.
La cappella di Variney, dedicata alla S. Sindone, costruita nel XVII secolo su intervento dei nobili Dossan e ricostruita più volte, l'ultima nel 1860.
La cappella di Seycinod dedicata a N.S. della Misericordia edificata nel 1678. Si tratta di un edificio privato, ma di uso pubblico, fondata da Pierre Passerin.
La cappella di Planet, dedicata alla Visitazione, fu eretta nel 1666 e ricostruita nel 1844. Dello stesso anno è il campanile in pietra a vista con bifore.
La cappella di Notre Dame de la Protection a Chez-Henry costruita nel 1739.
L'ospizio di La Clusaz tra Gignod ed Etroubles. Già citato nel 1234, è oggi un prestigioso albergo.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 20.112 volte.

Scegli la lingua

italiano

english