Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Hotel Giardino Eden Ischia

    Hotel Giardino Eden Ischia

    Ospitalità di Mare Resort esclusivo Ristorante Piscine Isola di Ischia Golfo di Napoli Campania Italia

  • Athenaeum Personal Hotel Firenze

    Athenaeum Personal Hotel Firenze

    Ospitalità di Qualità Albergo 4 Stelle Bar Ristorante Congressi Firenze Toscana Italia

  • Pineta 1903

    Pineta 1903

    Ristorante Lounge Bar Wine Pub Pizzeria, Birreria Giardino di limoni Maiori Costiera Amalfitana Salerno Campania Italia

  • Palazzo Tempi Chianti

    Palazzo Tempi Chianti

    Ospitalità di Qualità e Charme Relais Camere e Colazione Appartamenti esclusivi San Casciano in Val di Pesa Chianti Firenze Toscana...

  • Ravello House appartamenti esclusivi

    Ravello House appartamenti esclusivi

    appartamenti a Ravello, casa vacanze a Ravello, appartamenti in Costiera Amalfitana, casa vacanze in Costiera Amalfitana, giardino...

tu sei qui: Home Valle d'Aosta Gran San Bernardo - Monte Cervino Oyace

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Oyace

Descrizione

Il toponimo deriva dal latino "acucula" (cima aguzza). E' un piccolo paese della media Valpelline, circondato da boschi e pascoli, immerso in una natura incontaminata e caratterizzato da un clima gradevole. E' situato ai piedi del Monte Clapier, ad oltre 1300 metri di altezza e a 20 chilometri da Aosta. Il territorio comunale, che si estende per oltre 30 chilometri quadrati, dal torrente Buthier alla Punta Fiorio, ad oltre 3300 metri di quota, è composto da numerose frazioni ed è attraversato dal torrente Buthier; il capoluogo, situato in una posizione strategica per il controllo delle comunicazioni con il Vallese attraverso il Col Collon ed il Crete Sèche, è dominato dalla Tornalla, una torre a pianta ottagonale posta su un cordone roccioso. La valle a nord-ovest è delimitata dalla catena dei Morion, che separa il territorio di Oyace dalla vicina Valle di Ollomont; l'altro versante confina con la Valle di Saint Barthèlemy ed è coperto da fitte foreste. Dedito prevalentemente all'agricoltura, si è aperto al turismo, pur nel rispetto delle tradizioni e degli antichi valori, offre la possibilità di effettuare piacevoli escursioni di diverso grado di difficoltà.
Nel Medioevo la zona appartenne alla giurisdizione dei signori di Quart, estinti i quali nel 1377 passò alle dipendenze direttamente dei Savoia. Nel 1612 fu assegnata ai nobili Piemontesi Perrone di San Martino.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale di San Michele fu eretta nel 1788 in sostituzione di una precedente cappella ed ampliata nel 1914. Al suo interno sono presenti gli affreschi di Margotti realizzati nel 1914 e l'altare maggiore in stile barocco, privato degli angeli che lo adornavano originariamente. Dal piazzale si gode di un favoloso panorama.
La cappella della Madonna delle Nevi, risalente al 1942, si trova a Verdonaz,ad oltre 2300metri di quota
La Tornalla, una torre ottagonale duecentesca, edificata, secondo la tradizione popolare, su un forte saraceno, costruito intorno al 1000 d.C., è situata su un dosso roccioso, in posizione sopraelevata, a picco sul torrente Buthier. Presenta mura spesse quasi 2 metri ed è alta quasi 12 con una porta situata molto in alto rispetto alla base. L'ipotesi delle origini saracene deriva dalla singolare forma, unica in Val d'Aosta. Appartenne ai signori di Oyace, puniti da Amedeo IV, Conte di Savoia per via dei loro comportamenti poco corretti intorno al XIII secolo, periodo in cui la giurisdizione sull'alta Valpelline passò ai signori di Quart.
Il ponte Betenda costruito in muratura, nel 1688, sul torrente Buthier che ha scavato le rocce nel corso dei secoli fino a creare una gola particolarmente profonda all'altezza della Tornalla. Il ponte sostituì un'antica passerella esistente sin dal XV secolo.
Il grenier del XV secolo a Voisinal. Queste costruzioni costruita con tavole di larice di 12 cm di spessore, quasi sempre a due piani, era adibito alla conservazione dei prodotti alimentari, talvolta di attrezzi agricoli o vestiario.
I resti del mulino a Voisinal.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 13.170 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english