Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Ciociaria Rocca d'Arce

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Rocca d'Arce

Descrizione

E' un piccolo comune della provincia di Frosinone, situato nella media Valle del Liri, abitato dall'uomo sin dai tempi più remoti, come attestano i reperti risalenti all'Età del Ferro. Per la sua posizione strategica, la collina su cui sorge l'"Arx Volscorum" fu prima abitata dai Volsci, attaccati di continuo dai Sanniti, e, successivamente, occupata dai Romani. Protetta da mura megalitiche, fu sempre al centro delle mire di vari popoli invasori che saccheggiarono queste terre, dopo la caduta dell'Impero Romano (Goti, Bizantini e Longobardi). In epoca medievale, il castello di Rocca d'Arce rappresentava una fortezza inespugnabile che solo Carlo d'Angiò riuscì a violare (tanto che nel racconto del cronista dell'epoca, Saba Malaspina, il fatto è narrato con toni quasi profetici). Nel 1528 Carlo I fece emanare un privilegio per cui Rocca d'Arce fosse sempre considerata di proprietà del demanio, privilegio, tuttavia, che durò ben poco, visto che fu ceduto a Francesco Maria della Rovere e, nel 1580 a Giacomo Boncompagni.
Siti di interesse:
- i resti del castello medievale e delle ciclopiche mura poligonali che si stagliano lungo i fianchi della collina strapiombo, per rendere quasi impossibile l'accesso alla rocca da parte delle truppe nemiche;
- la Chiesa di San Bernardo, costruita in più riprese e menzionato per l prima volta in una bolla papale del 1451. Attualmente si presenta a croce latina con stucchi barocchi e conserva all'interno pregevoli tele di scuola napoletana del XVII secolo;
- la Chiesa di Sant'Agostino, la più antica costruzione religiosa del paese;
- la Chiesa di San Rocco;
- la piccola Chiesetta di Santa Lucia;
- la Chiesa di Sant'Antonio.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 21.034 volte.

Scegli la lingua

italiano

english