Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lazio Ciociaria Ceprano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Ceprano

Descrizione

Comune situato nel Basso Lazio, in provincia di Frosinone, ed attraversato da fiumi Liri e Sacco, Ceprano nasce come colonia romana nel 328 a.C. col nome di "Fregellae", sebbene il rinvenimento nel 1994, durante una campagna di scavi, dell'esemplare di "homo" più antico d'Europa, Argil, ci permette di affermare con un ampio margine di certezza che l'area fu interessata da insediamenti umani sin dalle epoche più remote. L'attuale toponimo deriverebbe, forse, dalla famiglia Ceparia.
Per la sua favorevole posizione geografica, al centro di importanti vie di comunicazioni commerciali, nonché al confine tra il Regno delle Due Sicilie e lo Stato Pontificio, Ceprano conobbe anche le distruzioni ed i saccheggi perpetrati dai Goti di Totila, prima, e dai Saraceni, poi. Qui Gregorio VII investì Roberto il Guiscardo del trono di Puglia; qui Federico II nel 1230 fu assolto dalla scomunica; qui, re Manfredi giurò fedeltà ad Innocenzo IV - subendo l'umiliazione di attraversare l'intero ponte del Liri mantenendo le briglie del cavallo del Papa - e, sempre qui, alcuni secoli più tardi, Gioacchino Murat fu sconfitto dalle truppe austriache.
Siti di interesse:
- il parco archeologico, in cui si stanno compiendo scavi sistematici per riportare alla luce i resti dell'antica Fregellae, molti dei quali sono esposti presso il Museo Civico Archeologico;
- una cisterna romana di epoca imperiale;
- la stele sul fiume Liri, che indica il luogo in cui furono ritrovate le spoglie del re Manfredi;
- i cippi confinanti tra lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli;
- la duecentesca Torre medievale, di forma circolare, unica superstite delle tre che componevano l'antica cinta muraria;
- la Chiesa e il Convento di Sant'Antonio Abate, realizzati nel Cinquecento lungo l'antica via Latina. L'interno della chiesa, recentemente restaurato, si presenta d una sola navata con un polittico in legno del XVI secolo che troneggia nell'abside;
- la Chiesa di Sant'Arduino, costruita nel 1930 fuori dal cento storico della città, nel luogo in cui, secondo la tradizione, si fermò il Santo a risposare di ritorno dalla Terra Santa;
- la Chiesa di San Rocco, ricostruita nel 1969, dopo che la precedente era andata distrutta durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale;
- la Collegiata di Santa Maria Maggiore, quasi completamente ricostruita dopo i danni subiti dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, ha un impianto medievale - sebbene la tradizione vuole che sia stata fondata nel 45d.C. dall'apostolo Pietro mentre era in viaggio verso Roma -. L'interno, in stile neoclassico, conserva alcune reliquie di Sant'Arduino nonché l'urna di marmo in cui furono conservate le spoglie di re Manfredi, rinvenute durante i lavoro di ricostruzione del ponte sul fiume Liri nel 1614;
- il Santuario della Madonna del Carmine (XIX secolo).

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.971 volte.

Scegli la lingua

italiano

english