Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Vigne Irpine

    Vigne Irpine

    Aglianico, Greco di Tufo, Taurasi, Falanghina, Coda di Volpe, Fiano di Avellino, Vini Passiti Passione, Rosato di Aglianico Santa...

  • Le Conche Country House

    Le Conche Country House

    Ospitalità agrituristica di qualità, Bed and Breakfast di Charme Irpinia Villamaina Avellino Campania Italia

  • Amalfi Coast Private Car

    Amalfi Coast Private Car

    Trasferimenti in Costa d'Amalfi, Escursioni esclusive, NCC Costiera Amalfitana, Stazioni ferroviarie e aeroporti Italiani, Ruocco...

  • La Buca delle Fate

    La Buca delle Fate

    Ospitalità di Qualità Case Vacanze Appartamenti Residence Maiori Costiera Amalfitana Riviera di Napoli Salerno Campania Italia

  • Terre Stregate azienda olivinicola

    Terre Stregate azienda olivinicola

    Produzione vini qualità , sannio doc, cantina, aglianico, falanghina, greco, spumante, fiano igt, frantoio, olio extravergina,...

tu sei qui: Home Campania Avellino e dintorni Gesualdo

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Gesualdo

Descrizione

Comune dell'Irpinia centrale, a ridosso di una dorsale tra le valli del Fredane e dell'Ufita, Gesualdo è situato a 676m s.l.m.
L'area fu abitata sin dai tempi più antichi, come testimoniano numerosi rinvenimenti risalenti sino al Neolitico, come necropoli e resti di strutture, nonché scuri di selce levigata, oggi conservate presso il Museo Archeologico Provinciale di Avellino. Fu in epoca longobarda, tuttavia, che il borgo prese vita: attorno al castello medievale si andò sviluppando man mano tutto l'abitato.
Secondo la ricostruzione dello storico locale Cipriano de Meo, il toponimo deriverebbe da "Gisivaldum", facendo quindi riferimento al nome di un cavaliere longobardo "Gis" o "Ghiz", primo reggente del feudo, e da "ward" (bosco).
La rocca di Gesualdo è menzionata per la prima volta in un documento del 1137; la dinastia normanna che guidò Gesualdo ebbe origine con Guglielmo, figlio illegittimo di Ruggero Borsa. Ma fu con l'avvento del principe Carlo Gesualdo (1566-1613) che il borgo conquistò il titolo di città della cultura, segnando uno dei periodi più fulgidi della storia gesualdina: il castello, da austero maniero, si trasformò in residenza gentilizia mentre l'antico borgo, da fortezza chiusa ed inattaccabile, si trasformò aprendosi alla modernità. Fece costruire chiese, conventi, fontane ed acquedotti, compose madrigali e musica sacra.

Siti di interesse:
- il centro storico di Gesualdo, sviluppatosi attorno al castello in cerchi concentrici: un dedalo di stradine lastricate su cui si affacciano tipiche abitazioni in pietra e palazzi signorili seicenteschi;
- il castello, situato al culmine di una piccola collina, fu costruito dai Longobardi nel VII secolo. Sul finire del Cinquecento, per volontà del principe Carlo Gesuado, fu trasformato in dimora signorile, ampliato e rimaneggiato;
- la Chiesa Madre di San Nicola, edificata nel XII secolo a ridosso delle mura cittadine, è il più antico edificio di culto della città. Abbattuto e ricostruito nel 1760, conserva all'interno pregevoli tele cinquecentesche e seicentesche, altari in marmo policromi e numerose reliquie, tra cui il braccio di Sant'Andrea, donato da Eleonora Gesualdo.
- il Cappellone o Chiesa del SS. Sacramento (XVII secolo), in Piazza Umberto I, è opera di Domenico e Nicolò Ludovisi. E' strutturata in una parte bassa di forma quadrata, una centrale di forma circolare ed una finale di forma di cupola.
- la Chiesa del SS. Rosario, oggi sede dell'Arciconfraternita del Rosario, fu costruita da Carlo Gesualdo e terminata nella prima metà del XVII secolo da Nicolò Ludovisi. E' a tre navate in stile barocco, con marmi policromi e numerose tele seicentesche.
- la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, con annesso convento dei Padri Cappuccini, fu fatto erigere da Carlo Gesualdo nel 1592. All'interno è conservato il celebre dipinto di Giovanni Balducci "Il perdono di Carlo Gesualdo", dove è rappresentato il principe in atto di preghiera che chiede perdono a Cristo per il duplice omicidio commesso (fece uccidere la moglie Maria d'Avalos ed il suo amante Fabrizio Carafa).
- la Chiesa degli Afflitti, risalente al XVII secolo, con tele di scuola napoletana;
- la Chiesa dell'Addolorata, con cupola affrescata dall'artista contemporanea Katy Toma;
- la Chiesa di Santa Maria della Pietà (XVII secolo), con fonte battesimale scolpito in alabastro giallo;
- la fontana a vasche circolari di Piazza Umberto I (1688);
- la fontana dei Putti (1605);
- la fontana del rione Canale, con caratteristico portico;
- la fontana della Cisterna.
- l'area naturalistica del Fiume Fredane.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 5.809 volte.

Scegli la lingua

italiano

english