Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Sardegna Costa Sarda Occidentale San Pantaleo (Olbia)

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

San Pantaleo (Olbia)

Descrizione

E' una frazione del comune di Olbia situata nel cuore della Gallura, sul massiccio di Cugnaga. Da tale posizione privilegiata si gode di uno splendido panorama sulla Costa Smeralda: è un luogo suggestivo ricco di rocce di granito, come le punte di Sant'Andrea, Pelchia Minori e Pelchia Manna, adatto a chi ama la tranquillità e desidera vivere solo le bellezze della costa, a distanza dalla mondanità e dalla confusione. Tante ricchezze rappresentano un tesoro per i numerosi turisti che durante l'intero corso dell'anno lo visitano. Il centro è noto per la produzione di pregevoli oggetti in legno, ceramica e ferro.
Fino al XVII secolo il territorio gallurese era caratterizzato dalla presenza di pochi centri abitati situati nell'entroterra. La costa era spopolata perché troppo esposta alle scorrerie dei pirati e difficile da coltivare. Successivamente alcuni pastori provenienti dalla vicina Corsica cominciarono a condurre le greggi sulle coste sarde. L'abitato si sviluppò nei primi anni del XIX secolo e crebbe notevolmente dal punto di vista demografico, sul finire di quello stesso secolo, grazie al Vescovo di Tempio che permise la creazione di una parrocchia. Benché piuttosto distante dalla Costa Smeralda, ha sempre condiviso le vicende di questa. Originariamente frazione del comune di Nuchis, che ora è stato assorbito da Tempio Pausania, nel 1938 San Pantaleo è divenuta frazione di Olbia. Dagli anni '70 del Novecento è stata scoperta da un nutrito gruppo di artisti che l'ha scelto come rifugio e fonte di ispirazione per le sue atmosfere.

Da vedere:
La chiesa parrocchiale dedicata a San Pantaleo.
La basilica di San Simplicio ad Olbia fu edificata in granito, nel periodo compreso tra l'XI ed il XII secolo, su una collinetta. La facciata è delimitata da lesene e presenta al centro una trifora con colonnine marmoree. Il campanile a vela è di epoca successiva. All'interno tre navate divise da colonne e pilastri, l'abside è decorata da affreschi raffiguranti San Simplicio.
La chiesa di San Paolo ad Olbia è un piccolo edificio costruito in pietra.
La chiesa di Nostra Signora di Cabu Abbas ad Olbia centro.
La chiesa di San Vittore ad Olbia.
La chiesa dello Spirito Santo.
La chiesa di Santa Mariedda.
La chiesa di Sant'Angelo.
La chiesa di Santa Lucia.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 28.044 volte.

Scegli la lingua

italiano

english