Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Sardegna Costa Sarda Occidentale Porto Torres

Strutture

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Porto Torres

Descrizione

Comune in provincia di Sassari, è situato nella parte nord-occidentale della Sardegna, nella zona più riparata del Golfo dell'Asinara. Il territorio comunale è attraversato da due corsi d'acqua che hanno reso estremamente fertile la zona. Il centro storico conserva ancora ben visibile l'impianto viario adottato sin dalle origini.
L'area di Porto Torres fu abitata sin dall'epoca nuragica, come dimostra la presenza di numerose tracce di villaggi con nuraghi. Le prime attestazioni documentate circa la presenza di un centro abitato risalgono al I secolo a.C. In epoca successiva fu colonizzato dai Romani, della cui presenza rimangono molte testimonianze archeologiche, oltre all'impianto del centro storico. Da questi luoghi partivano alla volta di Ostia cereali ed altri prodotti agricoli. In questo periodo fu attivo lo sfruttamento delle miniere di rame e di argento. Durante l'epoca medievale la popolazione subì una drastica riduzione e si spostò nella zona collinare intorno alla basilica di San Gavino, senza, tuttavia, che fosse abbandonato del tutto il nucleo primitivo situato in prossimità del porto. Porto Torres divenne capitale del Giudicato del Logudoro, creò stretti rapporti commerciali con Pisa e Genova, fino alla conquista aragonese, evento che segnò la messa in ombra della cittadina a favore di Sassari, città a cui rimase soggetta, anche dal punto di vista amministrativo, fino al 1842.

Da vedere:

La basilica di San Gavino in stile romanico, la cui costruzione ebbe termine nel XII secolo, presenta tre navate divise da colonne e pilastri. Molti capitelli e colonne provengono dai monumenti romani presenti in città. Lungo il lato nord si apre un portale in marmo quattrocentesco con lunetta su cui sono raffigurate scene di caccia, altri tre portali in calcare, di cui uno del XV secolo, interrompono la linearità della struttura.
La chiesa della Consolata risalente all'Ottocento.
Il ponte romano sul Riu Mannu dotato di sette arcate a sesto ribassato.
Le mura di cinta edificate a difesa dai Vandali nel V secolo d.C.
Le Terme Maetzke, un impianto del II secolo d.C.
La necropoli di Su Crocifissu Mannu.
La torre aragonese del XIV secolo.
La necropoli di Li Lioni.
Le splendide spiagge.
Le catacombe.
I nuraghi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 30.972 volte.

Scegli la lingua

italiano

english