Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Sardegna Costa Sarda Occidentale Riola Sardo

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Riola Sardo

Descrizione

Il toponimo si deve alla presenza sul territorio comunale di un corso d'acqua. In provincia di Oristano, Riola Sardo è situato nella penisola del Sinis, in una ampia pianura, circondato su tre lati dal Rio Mare Foghe. Nei pressi del paese sono presenti diverse aree di interesse naturalistico, mentre vicino alla costa meritano una vista la falesia di Roia de su cantaru e quella di Su cuccuru mannu.
I resti archeologici giunti fino a noi provano la presenza umana sul territorio di Riola sin dall'età nuragica, mentre reperti punici attestano la conquista da parte di Cartagine. Il luogo in cui sorse il centro fu scelto perchè la presenza del fiume rappresentava un ostacolo agli attacchi nemici e contemporaneamente una difesa per gli abitanti. La zona fu colonizzata anche da Roma e fece parte della curatoria del Campidano Maggiore. Intorno all'anno 450 d.C. l'isola fu conquistata dai Vandali e, successivamente, dai Bizantini; nel tardo Medioevo fu una Villa. Durante la dominazione spagnola visse un periodo difficile a causa di carestie ed epidemie che decimarono la popolazione. Dopo che si furono manifestati deboli segnali di ripresa, si ebbe un nuovo spopolamento a causa delle frequenti incursioni dei pirati che non furono ostacolate nemmeno dalle numerose torri di avvistamento costruite nel frattempo lungo la costa. Nel XVIII secolo Riola divenne feudo del Marchese D'Arcais.
Da vedere:
La chiesa di Santa Corona, oggi ridotta a rudere, di cui non è nota la data di edificazione, ma che è certo che esistesse nel XII secolo e recentemente da alcuni studiosi è stata collegata ai Templari. L'edificio fu restaurato nel Seicento ed abbandonato nel Novecento, di esso rimane solo alcune parti della navata centrale, tra cui un elemento che era stata aggiunto in epoca successiva alla costruzione.
La chiesa parrocchiale di San Martino fu costruita nel XVI secolo su un preesistente edificio. Preceduta da una scalinata, presenta tre navate ed altrettanti portali di ingresso. La torre campanaria, unita alla chiesa, risale al Seicento. Conserva al suo interno un Crocifisso ligneo settecentesco, un coro in legno risalente all'Ottocento e delle preziose acquasantiere.
Il nuraghe Civas e Predi madau.
Casa Carta del Settecento.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 28.838 volte.

Scegli la lingua

italiano

english