Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Liguria Genova e Tigullio Recco

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Recco

Descrizione

Il nome gli venne attribuito dai Romani: Recina o Ricina. Si trova in provincia di Genova, tra Sori e Camogli, nella Riviera ligure di Levante. Il centro affaccia sul Golfo Paradiso nei pressi di un torrente che porta lo stesso nome. Rappresenta un punto di partenza ideale per raggiungere altre località della riviera, come Camogli e Portofino, o dell'entroterra, come Mulinetti, Polanesi con la Chiesa di San Martino, i ponti medievali, Megli con il suo santuario risalente al Medioevo. Oltre agli edifici di alto valore artistico, Recco vanta spiagge e scogliere, nonché un centro ricco di negozi ed una piacevole passeggiata a mare.
Sul posto era già presente uno stanziamento ligure quando fu conquistata dai Romani che vi costruirono un importante castrum sulla via Aurelia. Risale all'Alto Medioevo la scelta di Recco come sede per la costruzione della quarta pieve ambrosiana della zona, le altre erano a Rapallo, Camogli ed Uscio.
Fu conquistato da Genova e ne seguì le vicende, fu più volte invaso dai pirati saraceni, dall'esercito austriaco nel 1747 e dai Francesi nel 1797. Con la caduta di Napoleone entrò nel Regno di Sardegna e poi nel Regno d'Italia. Durante la Seconda Guerra Mondiale fu distrutto il 90% dell'abitato urbano e con lo stesso le tracce delle sue antiche origini.

DA VEDERE:

La Chiesa di San Rocco nel quartiere di Verzemma.
Il convento di San Francesco costruito nel 1496 e ricostruito nel dopoguerra.
La Chiesa di San Michele Arcangelo e del Santo Crocifisso risalente al XVI secolo e sede di una confraternita fondata nel 1399.
Il Santuario di Nostra Signora del Suffragio del XVIII secolo.
La Chiesa di Nostra Signora delle Grazie nella frazione di Megli, custodisce una spina che si crede sia appartenuta alla corona di Gesù.
La Chiesa dei Santi Giovanni Battista e Giovanni Bono interamente ricostruita dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.
La Chiesa di San Martino nella frazione di Polanesi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 20.444 volte.

Scegli la lingua

italiano

english