Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Liguria Genova e Tigullio Moconesi

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Moconesi

Descrizione

Il toponimo significherebbe "casa di Mocco", dal nome di un legato romano. E' un comune in provincia di Genova, situato in Val Fontanabuona, nei pressi del torrente Lavagna e del monte Caucaso. Sembra che da Moconesi provenga la famiglia del celebre navigatore genovese Cristoforo Colombo. Il comune è legato principalmente al commercio e alla lavorazione dell'ardesia. Le frazioni di Ferrada e di Gattorna sono sede di piccole e medie imprese artigianali, in particolare Gattorna è famosa per la produzione di giocattoli poveri e soprattutto per le girandole, divenute simbolo del paese.
Il rinvenimento di reperti preistorici, risalenti al Mesolitico, attestano che la zona fosse abitata già in tempi molto remoti. A lungo sottoposto al dominio dei Fieschi di Lavagna, Moconesi divenne territorio della Repubblica di Genova a partire dal 1147: dapprima fu inserito nella Podesteria di Neirone e Roccatagliata e successivamente nel Capitaneato di Rapallo. Come altri comuni liguri subì l'invasione ed il dominio dei Francesi di Napoleone Buonaparte. Seguì le sorti delle altre cittadine liguri passando dapprima sotto il controllo del Regno di Sardegna, dopo il Congresso di Vienna che si tenne nel 1814, e poi nel Regno d'Italia.

Da vedere:

Il santuario di Nostra Signora della Guardia e San Giacomo a Gattorna. L'attuale struttura risale al 1721, ma si ha prova della sua esistenza già nella seconda metà del 1400. Presenta, come si può riscontrare in molte chiese liguri, una facciata caratterizzata da una doppia serie di colonne sovrapposte dominate da un timpano; ha una cupola centrale e un campanile situato in posizione retrostante. Al suo interno un trittico del XVI secolo attribuito al Vespasiano.
La chiesa del Sacro Cuore di Gesù e Santa Margherita situata tra le frazioni di Ferrada e Terrarossa Colombo presenta una facciata sormontata da un piccolo timpano e abbellita da colonne.
La chiesa di Sant'Anna nella frazione di Ferrada trasformata ed ampliata intorno alla prima metà del XVII secolo presenta una facciata relativamente semplice con due ordini di colonne sovrapposte. E' affiancata da un altissimo campanile a pianta quadrata.
Le cappelle di Pezzonasca, di San Rocco, di San Giuseppe.
La chiesa di Santa Margherita a Moconesi Alto.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.089 volte.

Scegli la lingua

italiano

english