Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Lombardia Lago di Como Porlezza

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Porlezza

Descrizione

Comune della provincia di Como, situato sull'estremo golfo orientale del lago di Lugano (o Ceresio), allo sbocco della Val Menaggio, Porlezza è un pittoresco borgo turistico, ricco di importanti testimonianze del suo passato di notevole interesse storico ed artistico. Nel Medioevo, infatti, era un borgo fortificato e giocò un ruolo di rilievo nelle lotte che opposero Como a Milano; entrò, poi, a far parte del Ducato di Milano seguendone le sorti.
A pochi chilometri dal paese, in direzione di Menaggio, si possono visitare il Lago del Piano e l'Orrido di Corrido e, in direzione della Val d'Intelvi, le grotte di Rescia e l'Orrido di Osteno.
La Chiesa prepositurale di San Vittore il Moro fu eretta nel 1634 e conserva al suo interno un notevole altare barocco dorato, stucchi settecenteschi, affreschi di Giulio Quaglio di Laino e sculture lignee di gran pregio.
L'Oratorio romanico di San Maurizio, gioiello architettonico del XII secolo, era stato sepolto da una frana nel XVII secolo e per secoli dell'edificio era rimasto visibile solo il campanile. Grazie agli scavi condotti a partire dal 1966 l'oratorio è stato sterrato, restaurato e riconsacrato.
Menzioniamo, infine, la Chiesa dei Santi Materno e Martino, risalente alla seconda metà del Cinquecento, il Santuario di Nostra Signora della Caravita (1633) e la chiesetta romanica di San Michele.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 15.092 volte.

Scegli la lingua

italiano

english