Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Friuli Venezia Giulia Costa Friulana Farra d'Isonzo

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Farra d'Isonzo

  • Casa Zuliani Vini Friuli

    A cavallo tra le zone DOC "Collio" e "Isonzo del Friuli", l'Azienda Agricola Casa Zuliani è situata in una delle regioni vitivinicole storiche d'Italia, dedita alla coltivazione della vite sin dall'epoca pre-romana. È un territorio rinomato, dove benevole...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Farra d'Isonzo

Descrizione

Il toponimo deriva dal longobardo "fara" (fortezza), mentre la seconda parte si riferisce al fiume Isonzo che scorre nella zona. Comune in provincia di Gorizia, il centro è situato in una zona pianeggiante, inglobando però in minima parte anche il Collio. Ricca la lista dei prodotti della gastronomia tradizionale ed i vini rinomati.
Nell'area di Farra, nel II secolo a.C., i Romani colonizzatori crearono una postazione ed edificarono un ponte. Caduto l'Impero, fu lasciato spazio ad altri popoli conquistatori, tra cui i Longobardi. Nel periodo medievale fu un feudo che comprese nel suo territorio anche Gradisca. Tra il VII e l'VIII secolo iniziarono a stabilirvisi alcune popolazioni slave che, in questo modo, sostituirono gli abitanti della pianura isontina, scomparsi a seguito delle invasioni dei Barbari, delle guerre che si successero negli anni, e delle epidemie. La zona di Gorizia fu poi soggetta ai Franchi, ai quali seguirono gli imperatori germanici che, poco prima dell'anno Mille, la inglobarono nel Ducato di Baviera. In età napoleonica fu occupata dall'esercito francese. Fu annessa al Regno d'Italia con il resto della regione solo nel 1921.

Da vedere:
La chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, risalente al XVIII secolo, presenta una facciata delimitata da quattro semicolonne, sormontate da un timpano, è interrotta da due finestre rettangolari e da una finestra a mezza luna. Una nicchia con statua raffigurante l'Immacolata arricchisce il portale. Il campanile, situato in posizione retrostante, ha base quadrata, la cella campanaria, in cui si aprono bifore, è sovrastata da un tamburo e da una cuspide.
La chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore a Mainizza è preceduta da un piccolo porticato, sorretto da due colonne, e sormontata da una bifora campanaria.
La piccola chiesa a Borgo con finestra a mezzaluna sulla facciata e tetto spiovente, sulla cui sommità è situata una piccola cella campanaria.
La chiesa di Villanova, distrutta durante la guerra, fu ricostruita nel 1926. E'un grazioso edificio in pietra preceduto da un pronao con archi sostenuti da quattro colonne.
Palazzo Calice risalente alla prima metà del Settecento.
Il Museo della civiltà contadina.
Il Museo dell'automobile e della tecnica.
L'osservatorio astronomico.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 26.186 volte.

Scegli la lingua

italiano

english