Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Friuli Venezia Giulia Costa Friulana San Floriano del Collio

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in San Floriano del Collio

  • Zuani Vini Friuli

    Tutto ruota intorno ad un "cru" o vigneto di esposizione eccezionale, una dolce collina di vigneto e giardino intorno alla cantina. I vigneti comprendono Tocai Friulano, Chardonnay, Pinot Grigio e Sauvignon, una selezione decisa e precisa che ha portato...

  • Muzic Vini del Collio Friuli

    In Friuli, nel comune di San Floriano del Collio, a soli cinque KM. da Gorizia ha sede la nostra Azienda. In questa fascia di terra interamente collinare, molto vicina alle coste del mare Adriatico, su terreni costituiti da marne ed arenarie stratificate,...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

San Floriano del Collio

Descrizione

Il toponimo onora San Floriano, legionario romano che subì il martirio, il cui culto si diffuse dopo il VII secolo con l'arrivo in Friuli dei Longobardi. La seconda parte del nome si riferisce palesemente alla zona in cui il paese sorge. Comune in provincia di Gorizi, è situato ai confini con la Slovenia, in una posizione collinare particolarmente favorevole che consente una ideale esposizione. L'economia si basa prevalentemente sulla produzione di ottimi vini, apprezzati in ogni parte del mondo, e sulla coltivazione delle ciliegie. Notevoli anche i prodotti gastronomici, gli itinerari e le attrazioni storico-culturali.
La zona fu senza dubbio frequentata dall'uomo sin dalla preistoria; subì la colonizzazione da parte dei Romani ma le prime notizie documentate su San Floriano risalgono solo al 1170. Questi territori furono oggetto di contesa per un secolo, nel periodo compreso tra il Cinquecento ed il Seicento, tra la Repubblica di Venezia e l'Austria, entrambe interessate al controllo dell'Adriatico. Nel 1616 i Veneziani tentarono di conquistare Gradisca, che costituiva un punto strategico per l'Impero Asburgico nel territorio isontino, ed assaltarono San Floriano facendo strage dei suoi abitanti. L'anno successivo le truppe della Serenissima occuparono nuovamente il borgo e lo fortificarono per trasformarlo in un avamposto a difesa dei confini orientali della Repubblica. Nel 1623 tornò a far parte dell'Austria. Durante la Prima Guerra Mondiale San Floriano fu preso dalle forze italiane. Alla fine degli scontri il castello, che aveva ospitato un reggimento italiano, rimase gravemente danneggiato.

Da vedere:
La chiesa parrocchiale, dedicata a San Floriano e piuttosto moderna, fu distrutta durante il primo conflitto mondiale. Riedificata, è caratterizzata da una facciata su cui si aprono ben cinque finestre ad ogiva ed un porticato con archi sorretti da solide colonne. Il massiccio ed alto campanile è interrotto da piccole finestre, la cella campanaria è abbellita da bifore. La struttura è sormontata da una cuspide piramidale. La chiesa custodisce al suo interno tre altari di notevole pregio e le decorazioni realizzate dal Perco.
Il castello medievale degli Ungrispach fu acquistato dai Conti Formentini di Cividale nella prima metà del XVI secolo. La struttura, edificata a scopi difensivi, costituiva parte del sistema di fortezze imperiali. Gravemente danneggiata durante la Prima Guerra Mondiale e restaurata una prima volta, fu trasformata dopo il secondo conflitto a causa del venir meno delle necessità difensive, oggi è sede del Museo del Vino e di un ristorante. Dell'antico maniero attualmente rimangono solo parti di mura e due torri.
Il castello dei Baroni Tacco, danneggiato dalla guerra, custodiva pregevoli quadri, una fornita biblioteca e mobili d'epoca.
Le numerose case medievali.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 36.586 volte.

Scegli la lingua

italiano

english