Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Friuli Venezia Giulia Costa Friulana Grado

Strutture

I più visitati in Grado

  • Ristorante Tavernetta all'Androna

    Da ben tre generazioni la Famiglia Tarlao porta in tavola tutto il sapore del mare per la gioia dei suoi Ospiti. Nel Gennaio del 2001 rileva la Tavernetta all'Androna e, con l'amore di sempre, delizia la propria clientela con specialità gradesi e ricette...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Grado

Descrizione

Comune in provincia di Gorizia, situato su una stretta lingua di terra che separa la laguna dal mare, Grado è noto per la lunghissima spiaggia sabbiosa e per il piccolo centro storico, fatto di case di pescatori, che racchiude gioielli di architettura paleocristiana. La struttura corrisponde al "castrum" romano: si presenta a forma rettangolare, tagliata da una strada principale dalla quale si dipartono le vie minori. La parte più antica originariamente era circondata da mura che oggi sono solo in parte visibili, inglobate in alcune abitazioni.
Il primo nucleo abitato nacque in epoca romana, voluto come porto della vicina Aquileia. Invaso da Unni e Longobardi, nel Medioevo vi si trasferirono i vescovi e gli Aquileiesi per trovare riparo dalle invasioni barbariche. Acquisì grande importanza durante il VII secolo, quando, a seguito dello scisma dei patriarchi di Aquileia, fu anch'esso sede del patriarca. Nella seconda metà del XV secolo Venezia, il cui potere era notevolmente aumentato, finì con l'assorbire la sede patriarcale di Grado determinandone l'inesorabile declino. Fu parte dei domini austriaci dal 1787 fino al 1918, quando passò all'Italia. Alla fine dell'Ottocento la cittadina mutò il suo destino divenendo nota come stazione balneare e di cura. Ancora oggi è un attrezzato ed apprezzato centro turistico.

Da vedere:

La chiesa di Sant'Eufemia, di epoca paleocristiana, fu ricostruita nel VI secolo, presenta grandi spazi, struttura rettangolare terminante con abside circolare interrotta da tre finestre. La navata centrale è separata dalle laterali da una fila di colonne ed è illuminata da due serie di finestre ogivali per ogni lato, ad altezze diverse. In fondo a sinistra si trova un singolare pulpito con copertura orientaleggiante. Il pavimento è a mosaico policromo del V secolo e tradisce influssi orientali. Le è addossato un campanile del Quattrocento, sul quale si trova una statua raffigurante San Michele, ed un battistero a forma ottagonale risalente al V secolo. Conserva una pala d'altare in argento dorato del XIV secolo e tavole con figure di santi.
La chiesa di Santa Maria delle Grazie, edificata nel IV-VI secolo e modificata nel Seicento, è caratterizzata da una struttura esterna molto sobria e compatta con tre porte d'ingresso cui corrispondono tre navate separate da colonne, ognuna delle quali è arricchita da capitelli di diversa foggia. All'interno si riscontra la cosiddetta regula, vale a dire la separazione dell'altare dal resto della chiesa. In linea generale la struttura tradisce influssi bizantini e ravennati.
I resti della Porta Occidentale.
La Porta Grande.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 27.648 volte.

Scegli la lingua

italiano

english