Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Toscana Pisa e Val di Cecina Montescudaio

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Montescudaio

Descrizione

Situato sulle prime colline della Val di Cecina, Montescudaio fu in origine un monastero benedettino, diventando, poi, un importante borgo medievale per la sua posizione strategica. Il toponimo deriverebbe da "Mons Scutorum", col significato di monte degli scudi o degli scudieri.
Montescudaio viene citato per la prima volta in un atto notarile del 1091 in cui si accenna alla donazione di una chiesa titolata a Sant'Andrea da parte del Conte Gherardo della Gherardesca a beneficio delle suore benedettine che risiedevano presso un monastero fondato precedentemente dallo stesso conte. Sebbene risiedessero nel comune di Pisa, i Conti della Gherardesca esercitarono a lungo la loro giurisdizione sul borgo e sul monastero e non esitarono a ribellarsi alla Repubblica di Pisa alleandosi, nel 1345, con le truppe del Ducato di Milano inviate da Luchino Visconti. All'inizio del XV secolo i Conti della Gherardesca si sottomisero alla Repubblica di Firenze e il borgo di Montescudaio venne posto sotto la giurisdizione dei Fiorentini.
La chiesa parrocchiale dell'Assunta è stata ricostruita dopo il terremoto del 1846 (conserva una statua settecentesca in marmo dipinto e una Annunciazione di scuola veneziana del Seicento) e non è il luogo di culto più antico, dal momento che ha ereditato nel 1416 il nome del soppresso monastero femminile dedicato alla Vergine, situato in una località ancora chiamata "la Badia".
Interessanti sono anche la Torre Guardiola, il Seicentesco Palazzo Ridolfi, il Settecentesco Palazzo Guerrini e Villa Pucci.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 28.506 volte.

Scegli la lingua

italiano

english