Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Toscana Pisa e Val di Cecina Castellina Marittima

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Castellina Marittima

  • Castello del Terriccio Vini Toscani

    Le rovine del castello, da cui deriva il nome dell'azienda, ci riportano al Medioevo. Strategicamente posizionato in cima alle colline, abbracciava con lo sguardo tutta la costa tirrenica: era una torre di avvistamento da cui i Pisani potevano scorgere...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Castellina Marittima

Descrizione

Nell'alta valle del fiume Fine, Castellina Marittima fu probabilmente abitata già nel periodo Etrusco, come si deduce da alcuni studi condotti sulle tecniche di estrazione dell'alabastro, di cui la zona è ricca. La memoria storica legata all'attività di escavazione è ben presente nell'Ecomuseo dell'Alabastro. Qui si conservano tutti gli strumenti utilizzati nel corso dei secoli per lo scavo, l'estrazione e la lavorazione dell'alabastro, un tipo di pietra chiamata anche "Bianco di Castellina".
Il borgo andò sviluppandosi nel X secolo, attorno ad un castello fatto costruire dai conti della Gherardesca; passò, poi, sotto il controllo di Pisa e, infine, di Firenze.
Il paese è dominato dallo splendido castello mediceo. Interessanti sono anche l'Oratorio di San Giovanni Battista, l'antica pieve del borgo prima di essere sostituita dalla settecentesca Pieve di San Giovanni Decollato, parzialmente danneggiata durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, nonché le Due Badie, una dedicata a san Quirico, i cui ruderi sono orami scomparsi nella vegetazione, e l'altra dedicata a San Salvatore, di cui sono ancora visibili ancora alcune porzioni di mura.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.757 volte.

Scegli la lingua

italiano

english