Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Basilicata Matera e provincia Tursi

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Tursi

  • Acinapura Vini Basilicata

    Ormai da più di trentacinque anni l' Azienda Acinapura situata in agro di Tursi, ad un altezza media di circa 200 mt. racchiusa in modo equidistante, tra il paesaggio delle montagne e lo splendido scenario del mare, si occupa di commercializzazione e...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Tursi

Descrizione

Comune della provincia di Matera, situato a poca distanza dalla costa jonica, nella regione storica della Siritide, Tursi fu fondata, con molta probabilità dopo il 410 dai Goti, i quali, dopo aver distrutto Anglona (attuale frazione di Tursi) edificarono a poca distanza un castello attorno al quale cominciarono ad essere edificate le prime abitazioni, dando vita alla Rabatana, il primo nucleo di Tursi. Gli Arabi giunsero nella Piana Metapontina nell'826 e dopo averla strappata ai Bizantini e Longobardi, iniziarono un imponente opera di fortificazione dei vari borghi già esistenti. Nell'890 i Bizantini sconfissero i Saraceni e si riappropriarono dei loro territori. Successivamente fu dominato dalle famiglie dei Sanseverino, dei Doria, dei Visconti e dei Colonna Doria.
Siti di interesse:
- la Rabatana, il primo nucleo abitativo di Tursi, circondato da profondi burroni ed accessibile attraverso una rampa di scale (detta la "petrizze") fatta costruire nel 1600 da Andrea Doria;
- i resti dell'antico castello gotico (V secolo), nei cui pressi sono state rinvenute anfore, monete, utensili vari e dardi;
- la Collegiata di Santa Maria Maggiore in Rabatana, risalente al X-XI secolo. Si presenta a tre navate con soffitto a cassettoni e conserva pregevoli capolavori d'arte, come la fonte battesimale del XVI-XVII secolo, un sarcofago in pietra, un crocifisso ligneo del XVI secolo, un presepe in pietra, affreschi cinquecenteschi e la cripta del VII-VIII secolo;
- la Cattedrale dell'Annunziata, eretta nel XV secolo ampliando una preesistente chiesa che tutt'ora costituisce la sagrestia. Sfortunatamente la maggior parte dei capolavori d'arte in essa presenti (tra cui un dipinto attribuito a Matteo de Matteis ed un organo a canne del Settecento, sono andati distrutti in seguito all'incendio del 1988;
- il Santuario di Anglona, monumento nazionale dal 1931, risalente al X-XI secolo, ampliamento, a sua volta, di una preesistente chiesetta del VII-VIII secolo.
- la seicentesca Chiesa di San Filippo Neri, in stile barocco.
- l'ex convento di San Francesco, dichiarato monumento nazionale, è un'imponente struttura realizzata nel Quattrocento, ampliata ed arricchita nei secoli successivi e definitivamente chiusa nel 1914.
- i Palazzi nobiliari (Palazzo Latronico, Palazzo Pierro, Palazzo Brancalasso).

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 22.922 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english