Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Hotel Terme Venezia Veneto

    Hotel Terme Venezia Veneto

    Ospitalità di Qualità e Benessere per tutta la famiglia Albergo 4 Stelle Abano Terme Padova Venezia Veneto Italia

  • Hotel Villa Romana Minori

    Hotel Villa Romana Minori

    Ospitalità di Qualità Albergo 4 Stelle Ristorante Corsi di Cucina Minori Costiera Amalfitana Salerno Campania Italia

  • Locanda della Fortuna Faenza

    Locanda della Fortuna Faenza

    Ospitalità Agrituristica Camere e Colazione Faenza Ravenna Emilia Romagna Italia

  • Amalfi Flat Costiera Amalfitana

    Amalfi Flat Costiera Amalfitana

    Ospitalità appartamenti Case Vacanza Minori Costa di Amalfi Riviera di Napoli Salerno Campania Italia

  • Al Valico Relax

    Al Valico Relax

    Casa Vacanze, affittacamere, ospitalità di qualità, Tramonti in Costiera Amalfitana Salerno Campania Italia

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Val Venosta Silandro

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Silandro

Descrizione

A metà strada tra Merano e Passo Resia, Silandro (Schlanders in tedesco, Solaneres in ladino) è il principale centro della Val Venosta, in provincia di Bolzano.
Il toponimo, probabilmente d'origine indogermanica, nato come Slanderes nel XII secolo per poi modificarsi in Schlanders, deriva molto probabilmente dalla radice "sal" (pascolo).
Dopo essere stato centro del perseguitato movimento anabattista intorno alla metà del '500, Silandro si è difeso dall'invasione bavarese e francese, rispettivamente nel primo e nel tardo '700, grazie all'azione dei suoi Schützen, i "bersaglieri delle Alpi". Oggetto dell'inquadramento amministrativo fascista nel 1923, che ne ha fatto una sottoprefettura, è divento sede del comune nel 1928.
Il paese, trovandosi adagiato in una piccola valle soleggiata, circondata da frutteti, vigneti e boschi, gode di un clima mite e asciutto per buona parte dell'anno che valorizzano appieno la sua ricca offerta turistica. Gli amanti delle escursioni potranno percorrere, a piedi o in mountain bike , i circa 80 km di sentieri ed itinerari, ben tenuti e posti a diverse altitudini, in grado di soddisfare ogni esigenza; è possibile, inoltre, praticare il trekking lungo la famosa via Claudia Augusta o esplorare le stupende cime che si ergono tutt'intorno per ammirare magnifici panorami.
Per coloro che intendono la vacanza come assoluto riposo e relax, invece, c'è un'ampia possibilità di scelta: fare tranquille passeggiate lungo le rogge, attraverso i bellissimi frutteti o lungo i vecchi canali di irrigazione, scoprire usanze tipiche altoatesine qui ancora molto vive e sentite, fare qualche acquisto presso gli eleganti negozi, grazie all'isola pedonale istituita nelle vie centrali del paese; oppure dedicarsi ai piaceri della tavola presso le accoglienti locande e i ristoranti tipici. E poi anche scegliere fra concerti, feste, visite guidate in carrozza ai frutteti (con l'eccellenza della coltivazione delle mele), ai vecchi mulini, ai tradizionali masi; il giovedì, infine, c'è il mercato settimanale dove poter comprare a buon prezzo le specialità locali.

Molti i siti d'interesse storico e artistico:
- la chiesa parrocchiale di Maria Assunta, più volte ricostruita e restaurata, coi suoi magnifici affreschi settecenteschi e il campanile più alto del Tirolo (ben 97 metri);
- la chiesetta romanica di Sant'Egidio a Corces. Da vedere il piccolo candido campanile e gli affreschi del secolo XIII, tra i quali uno che rappresenta San Cristoforo, da lungo tempo meta di pellegrinaggio per le donne che domandavano al santo la fertilità;
- i ruderi della Chiesetta "Jörgenkirchlein", i resti delle mura di cinta, e numerose costruzioni rurali di antica tradizione, ma ancora ben conservate, nella frazione di Corces;
- la Chiesa parrocchiale di San Martino, nella quale si trovano un magnifico altare barocco con un bel trittico del '400 e un tabernacolo risalente al'800;
- la Chiesa "Spitalkirche", una costruzione in stile gotico risalente al XV secolo, ma ricostruita e dotata di una torre a punta nel 1514, dopo un incendio; da vedere gli affreschi dedicati alla Santissima Trinità;
- la Chiesa e il convento dei Frati Cappuccini. Merita di essere segnalata la biblioteca conventuale fondata nel 1648. Essa comprende 2864 opere, tra cui non mancano autentiche rarità per bibliofili: alcuni tomi dedicati alla pastorale patibolare, ossia al rito dell'accompagnamento al patibolo dei condannati a morte, e scritti antisemiti e antiprotestanti, nonché dedicati agli esorcismi e alla persecuzione della stregoneria;
- il Castello Schlandersburg, costruito nel 1600. Di gran pregio sono il cortile a due piani, le bellissime finestre a griglia, il portale, le stemmi e il meridiano;
il parco nazionale Avimundus, interamente dedicato all'affascinante mondo degli uccelli. Cattura l'interesse di grandi e piccini la collezione di 150 esemplari imbalsamati e catalogati. A disposizione dei visitatori vi sono inoltre: una piccola ma ben fornita biblioteca ed una interessante raccolta di video sugli uccelli e le aree protette.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 21.322 volte.

Scegli la lingua

italiano

english