Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Val Venosta Lasa

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Lasa

Descrizione

Nell'incantevole Val Venosta altoatesina, ai piedi del monte Jenn e non lontano dal passo di Resia, sorge il piccolo centro di Lasa (Laas, in tedesco), in provincia di Bolzano.
Il massiccio che sovrasta il paese è, ed è stato, anche il suo principale motore di sviluppo: dal versante sud, infatti, viene estratta una qualità di marmo di rinomata robustezza e purezza, poi trasportata a valle e lavorata ai fini dell'utilizzo nel settore edile e dell'arte scultorea.
Sin dalla metà del XIX secolo, dunque, il nome di Lasa è noto proprio per l'estrazione e la lavorazione del suo marmo; e lo è anche fuori dai confini italiani, come testimoniato dai tanti monumenti ed opere realizzati con tale materiale, che si trovano nelle capitali europee (ricordiamo la fontana della Pallade Atena posta dinanzi all'edificio del parlamento di Vienna e il monumento dedicato alla Regina Vittoria davanti a Buckingham Palace a Londra).
Esiste, dunque, un forte e antico legame tra Lasa e la roccia marmorea; e non è casuale che proprio il marmo sia stato adoperato per abbellire la piazza centrale e per pavimentare i marciapiedi del paese.
Il toponimo è di origine piuttosto incerta: per alcuni andrebbe ricondotto all'epoca pre-romanica e collegato a un termine col quale si designava in passato il materiale ghiaioso del luogo; per altri, invece, deriverebbe da un lago, ora scomparso, formato dal fiume Adige (da lacus a laz e a las).

I siti d'interesse storico e artistico si identificano con le pregevoli chiese del paese:
- la Chiesa Parrocchiale di San Giovanni, all'interno della quale, nel corso dei restauri degli anni Settanta del Novecento, è stata rinvenuta l'abside di una precedente chiesa risalente ai primi decenni del secolo XIII, un vero e proprio gioiello realizzato interamente in candido marmo locale. Il rinvenimento in questo stesso sito di altri antichi manufatti marmorei, tra cui una testa lavorata datata addirittura V/VI secolo, fa comprendere che l'intero sito era consacrato al culto già in epoca paleocristiana.
- la Chiesa di San Marco, in stile romanico, sorse certamente prima della Chiesa di San Giovanni, ossia attorno al 1150; si tratta di un edificio che appare piuttosto semplice e povero: pianta rettangolare, altare semicircolare, muratura rustica con pietre spaccate.
- la Chiesa di San Martino che domina il paese, essendo posizionata su una piccola collina morenica. La piccola Chiesa è di epoca medievale, ma ritrovamenti archeologici di epoca romanica fanno ipotizzare che sotto di essa vi sia una costruzione più antica.
- la Chiesa di San Sisinio, una tra le gemme più preziose della Val Venosta per il perfetto connubio tra natura e cultura: si tratta, infatti, di una chiesa antica dalla edilizia semplice e tozza, ma poggiata su di una suggestiva collina in cui scarseggia la vegetazione e abbondano le nude rocce. Il vescovo Giovanni di Chur che la ispezionò nel 1638, così la descrisse: "Lei è tra le piccole (cappelle) la più grande".
- la Chiesa di San Nicolò, una costruzione tardo gotica, risalente al 1500 circa. La facciata dell'edificio che dà sulla strada, è ornata da un bell'affresco di San Cristoforo, il patrono dei viaggiatori. Con la riforma di Giuseppe II nel 1786, la chiesa venne destituita dalla funzione religiosa e sconsacrata. Dopo anni di abbandono nell'incuria, il restauro del 1984 ne ha fatto un luogo ideale per eventi culturali.
- La Chiesa di Maria Lourdes, la più recente del paese. In origine si trattava di una semplice cappella fatta erigere nel 1885 in memoria di un decesso avvenuto sulla strada. Fu per l'impegno dei devoti della Madonna di Lourdes che in quello stesso luogo fu poi costruita una chiesa in stile neo-romanico con un campanile a base circolare. Alla edificazione del tempio seguirono periodiche ristrutturazioni e miglioramenti.
- i resti di un acquedotto in pietra sopraelevato che attraversava la città, andato distrutto nel 1907.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.012 volte.

Scegli la lingua

italiano

english