Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Trentino Alto Adige Val Venosta Martello

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Martello

Descrizione

In provincia di Bolzano, Martello è situato nell'omonima vallata laterale della Val Venosta, interamente compresa nel Parco nazionale dello Stelvio.
Questo territorio, già frequentato in epoca pre-romana per la sua idoneità al pascolo del bestiame, fu abitato in maniera stabile solo dopo la bonifica dei terreni, operata da coloni tedeschi negli anni successivi al Mille. Al 1280 risale la prima citazione documentata di Martello, mentre il suo toponimo è di origine incerta: potrebbe, infatti, derivare o dal latino "murtella" (mirtillo), o dall'antroponimo Martel, oppure dal termine preromano "marra" (mucchio di pietre).
Il territorio della Val Martello è un luogo capace di riservare sorprese ed emozioni anche al viaggiatore più esperto. Le poche decine di chilometri della sua estensione si caratterizzano per un significativo dislivello altimetrico, cui corrisponde una grande varietà di paesaggio, flora e fauna: fino a quota 1800 metri si susseguono i campi coltivati (si tratta di un'agricoltura di qualità, con eccellenze produttive come verdure e fragole) e le distese, in cui spiccano variopinti rododendri, adibiti al pascolo degli animali da allevamento. Poi, più in su, cominciano i suggestivi scenari di alta montagna: i boschi rigogliosi, le ripide pareti rocciose percorse da stambecchi e caprioli, laghi e laghetti, confortevoli rifugi, fino agli imponenti ghiacciai.
La natura incontaminata della Val Martello è, dunque, la cornice ideale per ogni tipo di vacanza: chi va in cerca di rigeneranti momenti di tranquillità vi troverà panorami bellissimi e relax; gli amanti della vacanza più dinamica, invece, avranno a disposizione il meglio delle infrastrutture e delle attrezzature sportive, dai sentieri e dai percorsi per le escursioni, alle piste e ai circuiti per praticare sci, sci di fondo, slittino, ma anche pattinaggio e biathlon.
Chi visita il paese di Martello potrà anche apprezzarne il patrimonio storico- artistico, che è piccolo ma ricco di significato.
Siti d'interesse:
- la Chiesa parrocchiale di Santa Valburga, aperta al pubblico. Eretta nei primi anni del XIII secolo, conserva oggi poco del suo originale impianto romanico a seguito delle restauri ed ampliamenti succedutisi nel tempo. Da vedere sono gli affreschi in stile barocco della navata centrale e il nuovo altare costruito nel 1887;
- la Cappella di Santa Maria alla Fonderia, anch'essa aperta ai visitatori, costruita nel 1711 dai Conti Hendl per quanti lavoravano nella loro miniera. Fino alla Seconda Guerra Mondiale, gli abitanti di Martello andavano in processione dal paese fino alla chiesetta il 2 luglio, in occasione della celebrazione dell'Ascensione; oggi invece la processione si tiene la prima domenica di luglio;
- la Cappella di Steinwandt, costruita nel 1873 e dedicata a San Martino, fu costruita presso un maso privato per esaudire il desiderio espresso da Christian Altstätter sul letto di morte: durante la battaglia di Custoza nel 1848, infatti, costui promise di costruire una cappella se fosse tornato a casa sano e salvo, ma non riuscì a mantenere la sua promessa in vita;
- la Cappella di Radund, anch'essa privata e costruita per un voto: durante la raccolta dei licheni, infatti, un tale scivolò fermandosi su una roccia, promettendo di costruire una cappella nel caso in cui fosse scampato alla morte;
- la vecchia diga "Bau", una notevole opera d'ingegneria idraulica, frutto dell'aiuto del governo austriaco agli abitanti della Val Martello: costoro, dopo la grande alluvione del 1891, usufruirono del danaro imperiale per costruire una diga che evitasse altre catastrofi, consentendo il deflusso lento delle acque in eccesso appartenenti al fiume Plima;
- la Culturamartell, una mostra permanente di immagini, oggetti e testimonianze su nastro della vita contadina in Val Martello e del rapporto fecondo tra uomo e natura esistente in quel luogo.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 17.493 volte.

Scegli la lingua

italiano

english