Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Emilia Romagna Riviera Adriatica e dintorni Rimini

I più visitati in Rimini

  • Hotel Estate Rimini

    Recentemente ristrutturato, tenendo conto, oltre che dell'aspetto estetico del materiale, anche del ridotto impatto ambientale, tanto da essere il primo albergo in Emilia Romagna ad aver ottenuto la certificazione Ecolabel (marchio di qualità ecologica...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Rimini

Descrizione

Situata sulla costa adriatica e bagnata dai fiumi Ausa e Marecchia, Rimini è da anni la città balneare per eccellenza, con i suoi 15km di spiagge, la città del divertimento sia diurno che notturno.
Fondata dai Romani nel 268 a.C. quando il Senato di Roma mandò 6000 coloni per impiantare il nuovo insediamento che fu chiamato Ariminum, dal nome del fiume Marecchia (Ariminus).
I primi tempi fu una colonia strategica. Poi (90 a.C.) divenne municipium; infine una fiorente città dell'Impero romano, munita di un grande foro (piazza Tre Martiri), due vie centrali, il cardo maximus (via Garibaldi e via IV Novembre) e il decumanus maximus (corso d'Augusto), un grande anfiteatro (solo il Colosseo aveva maggiori dimensioni) sempre affollato e monumenti trionfali: il Ponte di Tiberio, l'Arco di Augusto. Infine una rarità: la domus del chirurgo, l'unico ambulatorio medico al mondo dell'antica Roma arrivato miracolosamente integro al 2000 dopo Cristo. Fra le grandi opere decise dal Senato di Roma figurano anche le due strade consolari: la via Flaminia e la via Emilia. La prima collega Roma a Rimini e termina all'Arco di Augusto. La via Emilia parte dal ponte di Tiberio e corre per 100 km fino a Piacenza.
Nel XII secolo Rimini diventa Comune e nel 1204 il cuore pulsante della città si trasferisce in piazza Cavour, dove cominciano i lavori di costruzione del Palazzo Comunale (l'Arengo).
Con l'avvento della potente famiglia Malatesta (famiglia citata anche da Dante nella Divina Commedia, esattamente nella notissima e tragica scena di Paolo e Francesca), Rimini si arricchisce di importanti monumenti. Il Castel Sismondo (1437) è il classico maniero rinascimentale. Progettato dallo stesso Sigismondo che ebbe fra i consulenti Brunelleschi, fu costruito facendo radere al suolo un intero quartiere molto popoloso; del castello-fortezza, simbolo di potere, oggi rimane solo il nucleo centrale.
Il Tempio Malatestiano, capolavoro del rinascimento, è uno stupendo incompiuto che racconta la storia d'amore fra Sigismondo e la sua giovanissima amante, diventata poi la terza e ultima moglie Isotta Degli Atti. Sigismondo fece realizzare quest'opera (prima rimaneggiando, poi demolendo una chiesa francescana) con l'idea che dovesse diventare un mausoleo per sé e per Isotta. Candido e ieratico con la facciata di marmo, firmata da un gigante della storia dell'architettura, Leon Battista Alberti, il Tempio Malatestiano contiene una serie di cappelle e di tesori: un Crocefisso di Giotto, un affresco di Piero della Francesca, i preziosi bassorilievi degli angeli che suonano su sfondo blu.
Interessante è anche la Chiesa di Sant'Agostino, uno dei gioielli del centro storico. Da vedere per gli affreschi dei pittori della Scuola riminese del Trecento che, nell'abside e nella cappella del campanile, raccontano episodi della vita di San Giovanni Evangelista e della Vergine. Una curiosità: a svelarli sotto gli stucchi e gli affreschi settecenteschi, fu il terremoto del 1916. Allora non riconosciuti di grande valore, si salvarono perché vi si identificò il ritratto di Dante. L'esterno della chiesa rivela l'originario stile gotico.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 82.301 volte.

Scegli la lingua

italiano

english