Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Liguria La Valle del Magra Nicola (Ortonovo)

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Nicola (Ortonovo)

Descrizione

Il toponimo, per alcuni, sarebbe di origini bizantine, per altri deriverebbe da "mica aurea", per via di una piccola miniera, ora esaurita, ma ancora visibile sotto il cimitero del paese, scoperta a nord dell'abitato. E' una frazione di Ortonovo, in provincia di La Spezia, al confine tra Liguria e Toscana. Nicola è un tipico borgo medievale arroccato sulla cima di un colle verdeggiante e sovrastante la valle.
Il borgo fu in principio sotto la giurisdizione dei vescovi di Luni; fu, in seguito, conquistata da Lucca, Pisa, dagli Scaligeri, dai Rossi di Parma, dagli Spinola di Genova ed dai Visconti di Milano. Nel 1406 si pose sotto la protezione di Firenze e, poco tempo dopo, attaccato dalle truppe del Piccinino, si rivolse ai Fiorentini per ottenere aiuti economici allo scopo di porre riparo agli ingenti danni subiti. Infatti, durante il duro attacco, l'abitato fu saccheggiato e danneggiato, le case date alla fiamme, l'apparato murario distrutto. Il danaro proveniente da Firenze servì anche a ricostruire le mura, oggi ancora visibili in parte. Alla fine del 1400 il centro fu ceduto al Banco di San Giorgio, successivamente entrò sotto il controllo della Repubblica di Genova e vi rimase per oltre due secoli durante i quali fu costantemente in contrasto con i comuni vicini per i confini, soprattutto con Ortonovo e Sarzana. Alla fine del 1700, con l'arrivo di Napoleone, entrò a far parte della Repubblica Ligure e nel 1806 fu inglobato nel comune di Ortonovo, di cui divenne una frazione.

Da vedere:

La Piazzetta dell'acacia, un albero secolare, dove è ancora visibile un tratto delle antiche mura ed una torre di guardia.
Il castello con torre pentagonale edificato tra il XIII ed il XV secolo in posizione dominante la valle del Magra.
La famosa scala matta, così denominata per i gradoni irregolari. Giunge al punto più alto del borgo, nella piazza della chiesa.
La chiesa dei Santi Filippo e Giacomo dalla facciata barocca, risale al 1759. Fu costruita nel luogo in cui si trovava una cappella bizantina del VI-VII secolo distrutta dai Rotari insieme al castello. La chiesa venne ristrutturata ed ampliata nel '500 e nel '700. Il portale risale agli inizi del XVII secolo, all'interno si trovano due reliquiari dello stesso periodo; l'altare maggiore, in marmo, risale al '600 e alle sue spalle si trova un coro ligneo della seconda metà del XVII secolo. L'edificio custodisce anche altre mirabili opere d'arte, statue lignee e dipinti.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 18.491 volte.

Scegli la lingua

italiano

english